Video

Loading...

domenica 22 giugno 2014


IL 22 GIUGNO DEL 1947 VENIVANO ASSASSINATI DENTRO LA CAMERA DEL LAVORO DI PARTINICO I COMPAGNI COMUNISTI GIUSEPPE CASARRUBEA E VINCENZO LO IACONO. I COMUNISTI DI PARTINICO LI RICORDANO QUALI COSTRUTTORI DEL PARTITO E VITTIME DELLA FURIA ANTICOMUNISTA CHE IMPERVERSO’ IN QUELL’ANNO NEL NOSTRO TERRITORIO.PER RICORDARE IL LORO SACRIFICIO E QUELLO DI ANDREA MAZZURCO E LEONARDO ADDAMO CHE RIMASERO FERITI IN QUELL’ATTENTATO, RIPORTIAMO L’INIZIO DI UN POST DEL PROF. GIUSEPPE CASARRUBEA,FIGLIO DEL NOSTRO COMPAGNO, CHE SI PUO’ LEGGERE INTEGRALMENTE SUL SUO BLOG.

 

 

 

 

 

Stragi del 1° maggio e del 22 giugno 1947: esecutori e vittime

Pubblicato il di casarrubea
Giuliano chiede armi  al Comando militare americano tramite Stern
Giuliano chiede armi al Comando militare americano tramite Stern
Il prossimo 22 giugno, domenica, alle ore 9,30 la Camera del Lavoro di Partinico (Via Roma) commemorerà il 67° anniversario degli assalti contro le sedi della CGIL della provincia di Palermo. Con l’occasione pubblichiamo, di seguito, altri stralci della Sentenza di Appello del 1956, oltre quelli indicati in alcuni post precedenti, con le seguenti avvertenze:
1) È comprovata anche in sede giudiziaria, oltre che di ricerca storica, la continuità dell’azione di Portella del 1° maggio 1947 con quella degli assalti alle sedi di sinistra e alle Camere del Lavoro di Partinico, Cinisi, San Giuseppe Jato, Monreale, Borgetto, Carini avvenuti il successivo 22 giugno.
2) Pasquale ‘Pino’ Sciortino è condannato non solo per la strage di Portella della Ginestra, ma anche per quella di San Giuseppe Jato, conoscendo egli meglio quei luoghi.
3) Per la strage di Partinico è condannato soltanto Salvatore Passatempo, già deceduto all’epoca della sentenza di Viterbo (1952). Ma è evidente che egli non poteva essere da solo visto che vari rapporti delle forze dell’ordine parlano della presenza di un commando di ben quattro individui, mai identificati ufficialmente, che presero d’assalto la sezione del Pci/Camera del Lavoro, quella sera di domenica 22 giugno. I bossoli di risulta trovati a ter le bombe a mano del tipo SRCM, ci dicono che i terroristi fecero uso di armi da guerra.
4) Tra i feriti di Partinico viene incluso anche Gaspare Ofria. Ma si tratta di un errore madornale del quale abbiamo ampiamente parlato nelle nostre ricerche, ad esempio in Portella della Ginestra. Microstoria di una strage di Stato (Milano, FrancoAngeli, 1997).

   

Nessun commento: