Video

Loading...

domenica 25 agosto 2013

EGREGIO SEGRETARIO COMUNALE NOI, AL SUO POSTO, AVREMMO GIA' SFIDATO "TOTO' LO SMEMORATO" A SINGOLAR TENZONE


 Nino taranto con totò.jpg

Si riprende .Non possiamo fermarci se non altro per una ben precisa ragione: impedire il propagarsi e il consolidarsi di una “politica” fondata sulle menzogne sapientemente amplificate che tentano di far apparire Lo Biundo come una vittima dei comunisti e soprattutto di questi due giovani consiglieri comunali che continuano imperterriti a turbare i suoi tranquilli sonni. Costoro non gli danno pace perché intervengono su tutto .E quel che è più grave lo fanno con documentata competenza ed intelligenza politica Come era bello nei primi cinque anni  del dopo Peppone !.A parte Renzo Di Tapani, Santino Aiello ,Pino Giovia e l’architetto Buscio tutto il resto era noia. Tuttavia questi consiglieri comunali presentavano un grave limite: la mancanza di una struttura politica operativa  di supporto alla loro azione , un vero e proprio Partito o Movimento, capace di sostenerli nel difficile quanto delicato ruolo di oppositori. Si muovevano con passione ma in assoluta solitudine e senza alcun sostegno .Tanto per banalizzare si potrebbe dire che questi nostri amici apparivano tanti “Totò Gallico che lavora solo e senza compagno”. In tal modo il Riconfermato aveva potuto superare tutti gli ostacoli e le difficoltà, costruito un “sistema” di clientele che abbiamo visto all’opera durante la seconda campagna elettorale e cioè la presenza nelle sue liste di tanti candidati espressione di piccoli e grandi non sempre leciti interessi . Ma Lo Biundo ha anche raggiunto altri traguardi importanti come la paternità oltre alla rielezione, l’accantonamento degli invadenti “artigiani”, l’adesione ad un nuovo padrino ,quel tal Crocetta espressione del peggiore marciume trasformistico siciliano ma in linea con la storia di Lo Biundo fatta di zuinaggio interessato quanto spregiudicato,oltre che immorale,che lo hanno visto di volta in volta alla corte di personaggi come Ciccio Nicolosi, Totò Cintola,Totò Cuffaro,Antonello Antinoro,Saverio Romano. Non ce ne è uno, tra questi ,che non sia stato o é in galera o indagato ed anche condannato per contiguità con la mafia ed il malaffare .Ovviamente non sarà stato un caso 
Ma il capolavoro è stato la costruzione di un sapiente processo di mistificazione palese e grave nel sapere gestire il tasto sensibile della LEGALITA’ che, paradossalmente, viene alimentata ed esaltata proprio da chi della ILLEGALITA’ ne ha fatto la ragione della sua esistenza in vita .Una macchina ben oleata, utilizzando i giusti canali e costruita pezzo dopo pezzo coinvolgendo ignare quanto disinformate coperture con lo scopo di realizzate un involucro protettivo contro l’interferenza anche di quei pezzi dello Stato altrove non assuefatti, non disattenti, non tolleranti  ma che a Partinico sembrano lontani ed assenti. Sembrano “dormienti” come gli aderenti alle famiglie massoniche . Rompere, squarciare questo involucro è il ruolo che ci siamo prefissati di raggiungere in questa consiliatura. Ovviamente in questo compito cosi’ delicato ed importante non abbiamo la presunzione di essere da soli .
Ma ritorniamo al quotidiano ,al terra-terra per evidenziare  “il meschino” di cui ogni giorno si ammanta il Riconfermato e buona parte della sua ciurma anche se ci costringe ad un tour de force che ,tuttavia, non ci distoglie dal nostro ruolo ed impegno . L’impegno di un Partito e dei suoi uomini che hanno il sostegno di quegli elettori i quali possono gridare con forza di non essere subordinati, inquinati,condizionati, ricattati ,asserviti. Uomini liberi, moralmente puliti, dalla solida cultura democratica che non hanno cinema da costruire in difformità alle norme urbanistiche,né isole ecologiche private da realizzare in attesa di mettersi a disposizione del pubblico (d'altronde gli amici del Presidente e del Senatore "antimafia da caffé" non hanno forse realizzato le discariche di rifiuti facendo milioni di euro a palate?) ,case di riposo incontrollate,rifornimenti di benzina ,gas  e B&B ,pseudo cooperative sociali per gestire asili,luoghi antiviolenza e camper in servizio attivo permanente ,mariti nel libro paga del Comune o mogli in carriera negli organici di questo o di Enti collaterali , beni comunali  e acquistati alla faccia di Piani, Norme, Regolamenti e Leggi ,beni confiscati da ricevere in donazione perpetua ,aspiranti ad incarichi professionali ,a posti di governo, sottogoverno, precari o stabili. Tutta una folta umanità , quest’ultima, che oggi è con il Riconfermato ma domani , siatene certi, andrà con altri esattamente come ha fatto il Lo Biundo con i suoi precedenti padrini. Perché ciò che muove costui e la sua folta schiera di clienti è l’INTERESSE PERSONALE  non certo l’ADESIONE IDEALE A QUALCOSA DI SERIO E NOBILE  ,cosa della quale non gliene fotte assolutamente niente .E l’interesse non va, forse,  dove lo porta il cuore e soprattutto il portafoglio?
Dunque il Riconfermato ha la faccia tosta si farsi reintervistare per giustificarsi, accusare e dileggiare . E lo ha fatto ieri ,Sabato,per dirci ancora una volta del canile. Dirci che la dottoressa Valentina Speciale e il fra poco dottore a pieni voti Gianluca Ricupati (insieme fanno 48 anni cioè poco più dell’età di Lo Biundo)  sarebbero oltre che sprovveduti (sic!), anche dei furbetti nel senso che si sarebbero collocati in una lista “capeggiata da un uomo della  destra “per farsi eleggere a consiglieri. Detto da Lo Biundo la cosa suscita infinità ilarità oltre che preoccupazione per il suo attuale stato di salute mentale che si aggrava ogni giorno di più . Ma nelle interviste parlò di tutto e di più ma non ebbe a rispondere alla domanda precisa da noi posta : PERCHE' ,PUR AVENDONE FACOLTA', NON HAI IMPEGNATO I 40 MILA EURO APPROVATI NEL BILANCIO 2012 PER DEFINIRE DA SUBITO I LAVORI DEL CANILE? E invece piuttosto che rispondere questo preciso interrogativo ,tergiversò e disse , riferendosi ai due giovani consiglieri “maldestri ,che ” li voglio ad un tavolo  per lavorare insieme “(sic! e poi ancora sic!) e riferendosi al Segretario comunale, il dottore Vincenzo Pioppo  che con una nota  aveva confermato quanto da due consiglieri denunciato ,  che “della questione il Segretario comunale non  sa in quanto lui non ha dimestichezza con i capitoli del Bilancio” .A questo punto dell’intervista ci sono cascate le braccia .Ma come il Segretario Generale “non sa” e “non ha conoscenza dei capitoli del Bilancio” ? Ma il Riconfermato ,che nell’occasione dell’intervista-sceneggiata ha assunto le sembianze di Totò nel film “Lo smemorato di Collegno” ,non ricorda che proprio il dottor Pioppo nella qualità di RESPONSABILE DEL SETTORE ECONOMICO FINANZIARIO in sostituzione del dimissionario Enzo Cusumano , HA FIRMATO PROPRIO IL BILANCIO DI PREVISIONE 2012 approvato dal Consiglio in data 27 dicembre e con dentro i 40 mila euro per i lavori di completamento del canile ? Ovviamente noi al posto del dottore Vincenzo Pioppo l’avremmo ,già, orgogliosamente sfidato a duello!
Si, metteremo fine a questa sceneggiata napoletana in cui emergono con assoluta chiarezza le doti di Lo Biundo che da oggi non chiameremo più il Riconfermato ma col suo vero nome e cognome : “Totò Menzognero

P.S. CHE NE DITE SE INVIAMO TUTTE LE CARTE DELLA VICENDA DEL CANILE ( ma non solo di questa) intanto ALLA PROCURA DELLA CORTE DEI CONTI perché Lo Biundo paghi di tasca sua il danno che sta arrecando ai nostri cani , al nostro Comune e ,dunque, a noi contribuenti?
Toti Costanzo

2 commenti:

Orsola V. ha detto...

CASO PARRINO .
SEGRETARIO RICUPATI RICUSATO E SINDACO DENUNCIATO !

Leggiamo sul quotidiano "La Sicilia"
"Alcamo.
Avrebbe dovuto presentarsi (giovedì, 17 ottobre) davanti al segretario generale del Comune di Alcamo per spiegare i motivi della mancata manutenzione dei locali dell'Ufficio tecnico della via Tenente Manno, dove le stanze al pianterreno, compreso l'archivio sono state chiuse perché dichiarate inagibili.
L'ingegnere Enza Parrino, responsabile del settore Lavori pubblici e fino a qualche mese fa anche dell'Urbanistica, è passata al contrattacco.
Ha inviato una lettera con la quale ricusa il suo "giudice", il segretario generale Cristofaro Ricupati e contemporaneamente un esposto alla magistratura contro il Comune, sindaco e amministratori che non avrebbero sollevato dall'incarico il responsabile del personale, per la vicenda legata alla sentenza per la nomina di due consulenti, il cui appello è previsto fra quattro mesi."

Toti ha detto...

Cara Orsola,non c'é niente da fare cu nasci tunnu un pò moriri quatratu!E Ricupati é nato cosi' Toti