Video

Loading...

mercoledì 4 settembre 2013

ASSESSORE CAMPIONE ,NON E' CHE LEI MANTIENE PREGIUDIZIO NEI CONFRONTI DEI COMUNISTI?


                        LE CASE BELLAROTO A PARTINICO

Avevamo accolto con favore l'attivismo dell'assessore Campione per quel che riguarda, quantomeno,  lo svuotamento dei cassonetti dei rifiuti con una certa regolarità e l’apparizione di una spazzatrice anche se ,intimamente, abbiamo ritenuto eccessivi i continui ringraziamenti (lo fa anche l’assessore Pantaleo non appena un dipendente comunale, come si trattasse di un atto di valore, pulisce una cunetta o estirpa un filo d’erba che rigoglioso cresce a testimoniare l’amore che nutriamo per la natura) nei confronti di un carrozzone come la Società che gestisce i rifiuti nell’ambito dei 12 Comuni dell’ATO PA1 e che se pulisce non fa nient’altro che il suo modestissimo dovere di strumento al servizio delle comunità locali  .Infatti  i Comuni che sono parte dell’ATO Rifiuti PA1 ,per avere un servizio assai scadente ormai da anni  pagano profumatamente  .Girando in questa estate per alcuni Comuni limitrofi abbiamo scoperto , però, come nel realizzare il servizio la Società si muova in maniera difforme se non addirittura discriminatoria . Possiamo dunque affermare come da qualche tempo la Società manifesti riguardo nei confronti del nostro Comune (d'altronde il liquidatore Geraci partinicese é oltre che amico di Lo Biundo !) a scapito sopratutto di quei Comuni costieri che vivendo di turismo hanno bisogno di pulizia come l'aria che i cittadini respirano Ma cosi' non accade tant'é che a Terrasini e Cinisi si darà vita, Sabato prossimo,  ad una manifestazione (una marcia di protesta )proprio contro l’inefficienza del servizio e dei guasti che provoca in quelle comunità .Dunque è del tutto evidente che il servizio della Società viene svolto a macchia di leopardo mentre l’attuale liquidatore si guarda bene di , quantomeno e prima di lasciare questo incarico ,dare inizio alla raccolta dei rifiuti col sistema della differenziazione che rappresenta la soluzione ottimale per mettere fine ad uno sfascio ambientale , abbattere i costi  ed iniziare un processo che in altri Comuni d’Italia è consuetudine .Ma è soprattutto CIVILTA’ .Sarebbe il meno che l'avvocato Geraci possa fare per passare alla storia della città non come uno dei tanti piccoli brurocrati che l'hanno infestata ma come un manager e professionista attento oltre che sensibile e moderno .Ma da noi ,purtroppo, tutto continua come prima, come sempre per note ragioni: una propensione ad un uso padronale degli strumenti al servizio delle collettività accompagnato da una forma di ingiustificato servilismo nei confronti di alcune amministrazioni, tra le quali quella di Partinico, frutto di “traccheggi” tra chi governa ed esercita un potere e chi si mette al servizio dei governanti verso i quali si manifesta accondiscendenza e subordinazione.
Dunque avevamo manifestato pubblico apprezzamento per l'attivismo manifestato dell'assessore Campione a dimostrazione che il nostro Partito non è spinto da alcun pregiudizio nei confronti di chi governa la città ,che è capace di proporre e indicare soprattutto per quel che riguarda la questione della raccolta dei rifiuti ,tant’è che ci eravamo spinti a segnalare un problema che riguarda un bene di proprietà comunale quale le “Case Bellaroto” in stato di degrado e di abbandono e che hanno urgente bisogno di interventi da parte del settore di competenza di Campione .Per cui non si comprende perché "le Case" ,che se restaurate potrebbero rappresentare un pezzo di antica città strappato alla distruzione speculativa cui è stato sottoposto il nostro territorio oltre che utile alla collettività, non ricevano attenzione per quel che riguarda almeno  il degrado ambientale in cui insistono . In attesa di recupero dell’immobile , dunque, avevamo sommessamente chiesto che un ampio giardino al servizio di questo bene pubblico, e sempre di proprietà comunale,  venisse ripulito dai rifiuti, dalle erbacce,dai topi,dagli spacciatori  e ripristinato l’uso di un cancello ancora esistente che potrebbe rappresentare una protezione, seppur modesta,  e un freno al degrado. A due passi insiste un condominio di decine di famiglie ,la villa DEL " Pino" barattata come altri spazi a verde con con i privati galoppini elettorali ,la caserma dei Carabinieri ,una scuola materna ,altri agglomerati urbani . NIENTE . FINO AD OGGI NON ABBIAMO RICEVUTO ALCUNA RISPOSTA  anche se il 7 di agosto ,con una nota che alleghiamo, ci eravamo rivolti prima all’amministrazione e successivamente (il 23 agosto)  all’URP cioè all’Ufficio che segnala ai settori le necessità dei cittadini con la speranza d'avere ascolto ed accoglienza .
Assessore Campione non è che , per caso, Lei mantiene pregiudizio nei confronti del nostro Partito nel senso che proprio perché lo chiediamo noi i servizi non vengono espletati?Per favore Assessore, non ci lasci con questo tragico interrogativo!
Toti Costanzo

 COMUNICATO STAMPA
Apprezziamo l’impegno dell’Assessore Campione per quel che riguarda la recente ripulitura della Villa “Pino” cosi’ come lo sgombero dai materiali marmorei collocati ormai da troppo tempo in proprietà comunale   3a zona di edilizia economica e popolare per fare posto ai giochi presenti nell’occasione della festa della nostra Patrona. Tuttavia dobbiamo denunciare come proprio a pochi passi da villa Pino e di fronte ad un contesto fortemente urbanizzato il Comune di Partitico mantiene in un gravissimo degrado  non solo l’immobile di sua proprietà ,le  ex Case Bellaroto, ma tutto il giardino circostante infestato da erbacce, ratti e luogo notturno di spaccio.  
Bisogna intervenire con estrema urgenza e sopratutto appare del tutto necessario come gli interventi di riqualificazione dei luoghi e beni pubblici non siano frutto della estemporanea occasione festiva ma di una politica capace di conservare e valorizzare.

PARTITO DELLA RIFONDAZIONE COMUNISTA
CIRCOLO “Peppino Impastato” di Partinico -7 agosto 2013

IL SEGRETARIO  del Circolo                                   IL PRESIDENTE del   Circolo
      Giacomo Minore                                                             Toti Costanzo



Nessun commento: