Video

Loading...

lunedì 17 ottobre 2016

LA PRO LOCO,LA VITIVINICUTURA,ALBIOLO ,CRACOLICI E IL MERCATO DEL CONTADINO,


L'immagine può contenere: una o più persone
Abbiamo apprezzato l'iniziativa della Pro Loco di Partinico, soprattutto il Convegno di Sabato scorso sulla vitivinicoltura.Credo, pero',che non solo coloro i quali guidano l'associazione - tra l'altro persone di alto profilo culturale e di competenza come Matteo Lo Duca- ma i produttori del settore cosi' come coloro che vivono di agricoltura in genere , debbano interrogarsi al fine di conoscere come e quando il Comune di Partinico attenziona i problemi del comparto non solo vitivinicolo ma olivicolo e dell'orto frutta.Ci chiediamo( e lo chiedeva di recente il prof. Michele Vilardo),ad esempio,se ci sia qualcuno che informa il Presidente del GAL anche lui molto attivo e presente in città,che i 179 mila euro concessi al Comune e spesi per il mercato del contadino hanno rappresentato una vera truffa nei confronti delle risorse comunitarie,degli agricoltori,dei contribuenti e degli acquirenti ,considerato che del mercato non esiste alcunché .Spesso ci chiediamo, pur apprezzando il ruolo e l’impegno degli inquirenti su temi sensibili come quello della lotta alla mafia e alla malavita, se ci sia la stessa attenzione nei confronti della malapolitica e della mala amministrazione. Noi vogliamo pensare positivamente anche se i cittadini vorrebbero che quanto spesso viene denunciato da pochissimi consiglieri comunali o da ancor piu’ poche forze politiche organizzate della nostra città (tanto per uscire dal vago, Rifondazione Comunista e Movimento 5 Stelle),possa costituire elemento di giudizio nei confronti di chi con disinvoltura (per non dire altro) maneggia e sperpera il pubblico denaro. Ora , escludendo la presenza elettoralistica dell'assessore regionale che a Partinico ha messo le tende e tra una sagra e l'altra ci onora della sua gioiosa anche se ingombrante presenza, c'é qualcuno che chiede di sapere dall’assessore cosiddetto al ramo del nostro Comune di cosa si occupa,cosa propone, cosa dispone, cosa realizza a parte l’autorizzazione a fornire il logo e i locali che sono della collettività sulle iniziative di altri .Ad esempio: ha mai convocato l'apposita Commissione comunale e se avendola (?) convocata ci mette al corrente dei suoi scopi, delle azioni, degli effetti,delle risoluzioni?La verità è che questa bella brigata che ha succhiato tutto quel che c’era da succhiare,ormai da anni al servizio di piccoli potentucoli regionali sotto l’insegna di un simbolo che avrebbe dovuto traghettare il meglio della vecchia DC e del vecchio e glorioso PCI altro non è se non il peggio che abbiamo visto quando pensavamo di stare peggio ed invece stavamo certamente meglio .Sicuramente sul piano della moralità della politica.
Toti Costanzo

Nessun commento: