Video

Loading...

domenica 8 marzo 2009

FELLONI, A ME LA SCOPA

Le grida arrivarono fino a via Cappellini dove in zona dimora lo zio di Sal, Crispi, che avvertito si precipitò temendo per il nipote del cuore, dopo avere però sganciato il forcone ereditato dal nonno che l’ebbe in dono, come la maggior parte dei partinicesi, dai Cistercensi che distribuirono per primi la terra ai contadini e successivamente utilizzato nei momenti storici quali, ad esempio, l’arrivo di Garibaldi con i Borboni cacciati, appunto, a furcunati. Rocco arrivò per primo e con i suoi Vigili, ma non poté varcare l’accesso al Palazzo perché sprangato dall’interno. Giangrande presentatosi con i suoi “lanciò” le scale scorrevoli fin sopra il soffitto alla ricerca di un varco. Il passaggio casuale ma provvidenziale di un dipendente comunale andato in pensione negli anni ’70, segnalò la presenza sul tetto di un boccaporto che portava direttamente presso la Sala degli specchi dimora del Sindaco. Un boccaporto sconosciuto ai più ma di cui si servivano alcuni dipendenti comunali incalliti viziosi che da quel passaggio, ed utilizzando una scala secondaria, dopo aver lasciato giornale e cappello nell’ufficio per giustificare una presenza, erano soliti fare visita ad una gentile signora denonimata “la biondina“ che organizzava matiné e, come si suoleva dire, teneva sonu. Tenere sonu era un modo convenzionale utilizzato dai fedigrafi che avevano scarsa dimestichezza e con il lavoro ma soprattutto con i doveri coniugali. Un pò come quanto è successo di recente con l’Istituto dei sordomuti che faceva “da copertura” ad una confortevole garçonnier alla faccia nostra e dei contribuenti. Dall’interno le voci, intanto, arrivavano, fino al bar Montreal mentre un terribile trambusto provocato da spostamenti rapidi di sedie e tavoli creavano quell’atmosfera che si realizza all’interno di una nave quando si ha mare forza nove e cioè di suppellettili che si spostano con grande velocità da un lato all’altro provocando scricchiolii delle pareti e paure. Passi veloci si udivano come di inseguimenti o, ancor meglio, come di una caccia all’uomo. ”Felloni, felloni che non siete altro. Voi mi volete far fare la fine del sorcio ma vaviti a manciari l’uvita. Voi mi volete togliere l’onore, il segno del mio potere che è la scopa, ma io vi manciu ‘u cori. A me la scopa, a me lo straccio, a me il pulilampo”. Il riferimento era chiaro a quanto avvenuto ieri mattina presso la piazza IPSIA e che aveva visto protagonisti, al solito, Bart, Jhonny e Kate che, appunto con scopa, stracci e pulilampo, avevano ripulito tutto reiterando la sceneggiata della pulizia della vasca del burdillicchio che aveva consentito ad Antrea di potere sbeffeggiare l’Assessore del quale fu detto “cé e non c’é “ come quando da ragazzini giocavamo a tivitti. Rocco e Giangrande rompono gli indugi e irrompono scardinando la porta. La scena che si presenta ai loro occhi non si potrebbe raccontare ma per amore del diritto all’informazione, dobbiamo. Nardo, con fascia spugnosa asciuga sudore che circondava la sua nuca di attempato tennista, teneva stretto tra i denti un coltello da sub, nella mano destra un marruggio e nell’altra faceva roteare un pericoloso “martello” (attrezzo in uso nell’atletica leggera di cui è stato anche esperto un giovane consigliere comunale) inseguendo, di volta in volta, Bart, Jhonny e Kate. Bart, novello Yuri Chechi, con rincorsa e spinta volteggiò sopra tre sedie ed un tavolo atterrando sul lungo divano posto ai lati dell’ingresso nella Sala degli specchi. Da lì, rimbalzando, trovò prima rifugio dietro il busto di Vittorio Emanuele e poi con un semicarpiato arrivò fin sotto il tavolo da lavoro (si fa per dire) di Sal. Jhonny, che si faceva sempre più nicu nicu e chiamando sempre ad intermittenza “mammaaaa” si nascondeva dietro il Sindaco che tentava con ogni espediente di frenare l’irruenza da un fiume in piena di Nardo. Di Kate, che sicuramente era presente, non c’erano inspiegabilmente, tracce. Rocco alzò, casualmente, lo guardo verso il soffitto e si accorse che restava pericolosamente aggrappata al lampadario. Come ebbe a fare resta un mistero per tutti. Rocco e Giangrande si misero, come si suole dire, ‘nto menzu. Arrivò pure la materna Benina. Chiamarono Peppe che teneva Bart sotto controllo. Si addivenne, dopo lunga e difficile trattativa, ad un accordo: una manifestazione alla presenza di tutte le autorità civili, militari e religiose durante la quale a Nardo venivano consegnate ufficialmente scopa, straccio e pulilampo accompagnati da un simbolo in minitura oro 18, l’emissione di un francobollo e, quale risarcimento danni morali, consentirgli il 2 giugno in occasione della festa della Repubblica, di ripulire da solo tutti i monumenti cittadini, compresa la fontana degli otto cannoli in fase di restauro. In questo impegno si farebbe anche ricorso ai buoni uffici e alla collaborazione di Giacomino dell’ATO (A mmia Tutti l’Ossa) mentre si firmò un protocollo per cui si dava a Bart e Jhonny la possibilità, a loro scelta, di presidiare a turno villa Falcone e villa Margherita.

Per consolare Kate le fu promessa l'assunzione di una comandante della Polizia municipale con la quale avere almeno qualcosa di cui parlare.

Nelle matinate Rocco, non potendone fare a meno, aprì e chiuse però velocemente un verbale (come quando la buonanima di don Nitto apriva e chiudeva i concerti della fanfara dicendo con fare deciso: “Picciò, una larga, una stritta, tri e tri” ) ed emettendo una contravvenzione nei confronti di Nardo soltanto per “sciamazzi notturni”. Giangrande, suo malgrado, dovette relazionare al Comando provinciale, Crispi fu convinto a ritornare a casa e rimettere a posto il forcone mentre la piazza e il Palazzo restavano presidiati da una serie di papanzichi, che non vollero andare a dormire se prima il Presidente della protezione civile non li avesse ufficialmente inquadrati nell’Associazione di volontariato. In questo modo, anch’essi, davano senso e scopo alla loro presenza. Quando sorse il sole Partinico si presentò quale quella di sempre cioè: ieri più di oggi e meno di domani.

Sala Rossa

1 commento:

avviddanato ha detto...

Carissimu Professuri Costanzo la salutu e la riveriscu e Vossia m’avi a perdunari assai assai datu ca nun m’ha fattu sentiri ;però ci pozzu riri ca la curpa nun è mia ma di sta vista ca mi va abbannunannu sempri chiossai mentri da povera crista di me mugghieri rici ca è stu riavulu di computer ca mi regalaru li me nori.Secunnu mia inveci è l’età ca va avanzannu… perù sugnu cuntentu ca tramiti Vossia pozzu scriviri tuttu chiddu ca mi passa pi la menti e speru di nun’affenniri a nuddu di chiddi di cu parru.
Professù…la so littra mi misi ‘ncrisi picchì sunnu assai st’assessura citati nà la littra e nunnè ca pozzu parrari di tutti ‘nna na vota.Alivoti pensu comu quasi tutti li viddani che “è megghiu un giorno di zappari ca scriviri na littra” e vossia( senza curpa sua però) m’ha fattu perdiri na pocu di iorna di travagghiu;però li così chi aiu da riri mi parino troppi belli.
L’avutru iornu stava scinnenu di la me machina(na Panda vecchia e arripudduta) pi accattari un saccu di sali ‘ni Motisi …chiddu nfacciu a la Comune…e li occhi mi eru ‘nna lu purtuni e mi vinia di ririri sulu sulu.C’era di tuttu pi na manciata ‘ncampagna:sasizza,crasti,quagli,pullami,(pollame vogliu riri)cacocciuli…mancava sulu cocchi cunigghiu e n’anticchia di ‘nzalata.Rirennu rirennu trasivi na la putia e me cumpari ca avia accattatu na forbicia pi putari mi rissi:”u sacciu picchi riri…nesci fora ca ti fazzu viriri na cosa” e mi purtau propriu nfacciu lu purtuni di lu municipio dunni c’era parchiata na bella machina e mi rissi ;”u sai di cu è ?” “Eu appena appena canusciu a mia”ci rissi.Iddu m’arrispunniu dicennu “è di Pentazero” “ E cu è Pentazero?” cià addummanai arrè?”Chiddu chi accamora avi u cumannu du paisi”.A stu puntu professù…ci fici chiossai di na dumanna picchì era curiusu oltri o fattu ca nun ci arrivava a capillo: “Chi significa Pentazero? E picchì punti sempri lu iritu na lu cofanu di sta machina?”.M’arrispunniu accussì: “picchì è cinqu voti zeru e si unu avi dubbi l’avi scrittu puru na macchina,sia di ravanti ca di rarrè…viri sti cerchi:sunnu cinqu zeri e c’è scrittu AUDI”. “Nervu…veru è ci rissi e ni ficimu na risata ca puru a chianca di carni di cui parrava antura si vutau e ni taliava senza però capiri nenti… forsi picchì sunnu sempri attenti a cu trasi e cu nesci di lu purtuni comi si fussiru camperi di la comune.
Professù… nna la littra ci nne unu chi Vossia chiama “Jhonny” e si lu ciriveddu mi funziona ancora… pensu chi sia Giannuzzu Latte Mio.Bravu picciottu nun ce chi diri, è spertu e adattaturi,,,cioè sapi parrari cu tutti,sia viddani ca allittrati,e sapi attintari quannu unu parra e secunnu mia picchì so matri ci nzignau c’avi sempri da apprinniri. Eu u chiamu Latte Mio picchì voli tuttu iddu e cià arrinisciu bonu e u vittimu quannu u ficiru assessori e nun si fici intimoriri mancu di Vartulu ca minacciava opposizioni e iuti a televisioni di Pino Dijjei..E poi Professù…eu o casu n’anticchiedda ci criu picchì na pocu di sti politici annu u merico ca cià attocca e basta dari sulu tri esempi: Latte Mio avi a na pediatra,dda simpaticuna di so matri;Vartulu avi o so amicu psichiatricu dutturi Calagna;e Giannuzzu ‘Mpastatu? Giannuzzu per ora s’accuntenta (e forse cià basta ) picchì avi a so cugnatu u veterinariu dutturi Barranca…u mericu de cagnuleddi.
Pi quantu riguarda Katia Nuventa,la Lo Portu e lu professori D’oriu nun aiu tanto di riri picchì nun li canusciu boni…però ci promettu ca appena li sturiu n’anticchia cocchi cosa ‘ncapu d’iddi cià scrivu puru.
L’assessuri D’amicu? Chi c’è di riri? Cu nasci sceccu nun diventa mai cavaddu.Puvureddu …cerca di farisi strata ammuttannu cà e dà e anzi c’è da apprezzallu,ìgnorantuliddu com’è, pi chiddu chi fa.Nunn’avi littra però(sempre secunnu mia) i cunti si sapi fari boni e si c’è na cosa chi mi fa moriri de risati è quannu è ntervistatu a televisioni: pari ca c’iavi li specchietti retrovisura allatu l’occhi comu si taliassi sempri di darrè picchì s’aspetta na boffa…comu no iocu chi c’era a li nostri tempi Professù…si ricorda?e poi chiddu c’abbuscava a boffa avia a ‘nzirtari cu ci la retti.Unu alittrattu mi rissi na vota ca chiddu di l’assessuri si chiama “reeetrooosguardo”…chi paruluna.
Professù …di Tanineddu nun ni vogghiu parrari picchì ci voli troppu tempu e u iornu ca u fazzu a Vossia ci giuru ca chiddu chi scrivu lu mannu puru a lu so cumpagnu socialista Giulianu Amatu ca ora è presidenti di la ‘nciclopedia Triccani.
Professù…pi quanto concerne lu sucu di lu discursu ci pozzu riri ca a scupari nun ci ianu tantu strammi. Giannuzzu Latte mio s’arranciava mentre Vartulu mi paria un po’ arrancirusu na lu scupari e pensu ca ci vulissi un po’ di pratica supecchiu e si si fa armenu dui o tri scupati a simana na lu paisi un fussi tanto strammu sia pi iddu e puru pi nuatri picchì chiossai iddu è ‘nforma e rilassatu e chiossai nuavitru ci guaragnamo comu cittadini di stu paisi….hi..hi..hi… Professù..riru accussì picchì aiu la rintera..hi..hi…hi..