Video

Loading...

martedì 3 marzo 2009

MENTRE LINO STURIA, A' POLICENTRU PIGGHIA 'A VIA!

Cosa ne pensate di Leonardo da Vinci? Una domanda, la nostra, ai limiti della banalità considerato che di Leonardo tutti possiamo convenire ed essere d’accordo con la descrizione che ne fece tal Anonimo Gaddiano nel 1542 e che sostanzialmente dice così: ”Fu tanto raro ed universale…Assai colse in Matematica et in Prospettiva non meno, et operò di Scultura, et in Disegno passò di gran lunga tutti gli altri. Hebbe bellissime invenzioni…fu nel parlare eloquentissimo et raro Sonatore di lira.... e fu valentissimo in tirare et in Edilizia d’acqua e tanti altri ghiribizzi né mai co l’animo suo si quietava ma sempre con l’ingegno fabbricava cose nuove”.
Dunque, come è noto, Leonardo fu inventore, progettista, costruttore, ingegnere, suonatore, buon parlatore, scultore, pittore e tante altre cose ancora. In una parola: un genio.
Ma perché si cita Leonardo? E a che proposito?
Bisogna sapere che noi incalliti e un pò decrepiti comunisti ci commuoviamo sempre quando siamo in presenza di uno scritto che tesse le lodi dell’Uomo e ne magnifica gli intendimenti. Ad esempio, quante volte abbiamo pianto e gemito davanti le gesta di Federico II,Alessandro Magno, Carlo Magno.E quanto abbiamo sospirato e pianto soprattutto per le gesta di Magno Magno. Quest’ultimo, personaggio scoperto da Pinuzzu che lo presentò in un memorabile servizio giornalistico e ora molto conosciuto nelle nostre lande, nacque dall’innesto di un insieme di ex diccì che davanti al disastro della seconda Repubblica ora gridano a gran voce: ”Tu riciamu nuatri cà era megghiu ‘u tintu canasciutu ca ‘u bbonu a canusciri?” (traduzione: vi potevate tenere noi), è stato preso a modello dai tanti giovani concittadini che, in un modo e in un altro, dopo essersi intrufolati di riversu quagghiu nella “politica” e al grido di “giovani è bello!”, del Comune stanno per sucarisi puru ‘a micciusa.
Qualcuno con fare e dire plebeo sostiene che, alla fine, non lasceranno nemmeno i chiodi appesi alle pareti. Ovviamente a Partinico c’é sempre quello che deve eccedere nei giudizi esagerando, come sempre si esagera nella nostra città, anche se un filo di verità c’è sempre. Infatti non pensate che “Sal and seven company” stiano esagerando con le tasse sull’acqua, sui rifiuti, sull’addizionale, sui panini dei bambini, sui vecchietti ospiti nella casa di riposo ai quali a detta del popolo ci stannu sucannu puru ‘u sangu? Si esagera, ma intanto si apprende da Pino tiggei, e tanto per continuare una tradizione, che anche a Sal hanno pignorato ‘u tavulinu (“Quant’è bella, quant’è bella ‘a città ‘i pulicinella”). Pare, per non aver pagato i detersivi. Per cui l’avvenimento ci ricorda un precedente degli anni ’60 quando in un memorabile comizio ‘o tiatrinu l’onorevole Mimì Bacchi denunciò lo spreco di sapone che si consumava presso l’allora “vecchio” ospedale di Largo casa Santa le cui spese erano a carico del Comune di Partinico. L’onorevole, con la foga e la verve che lo contraddistingueva, ebbe ad esclamare: “Ma come è possibile davanti ‘a grascia ru paisi, ca’ sulu ‘o spitali si lavanu da’ matina ‘a sira?” Apparve a tutti evidente che qualcuno degli amministratori d’allora, sul sapone, ci facia ‘a fava! Il che non significa che a distanza di decenni, mutatis mutandis….
Dunque ritorniamo a Leonardo e scopriamo una cosa che ci ha fortemente emozionati costringendoci a rivedere i nostri pressappochitici giudizi, le nostre volgari illazioni, l’avere pensato per un sol attimo che tutti i “poteri economici” sono gli stessi, che tutti “i padroni” sono gli stessi. No, non è così e noi, come al solito, 'nni pigghiamu a’ solita cantunera di pettu! Ecco perché nessuno ci vota più perché, come si suole dire, unni nzirtamu una!!
Ma trascriviamo lo scritto che ci sorprese, ci commosse, piegò le nostre certezze.
Leggiamo ad alta voce: ”Ogni impresa dell’uomo si ispira nel suo realizzarsi ad un modello. La ricerca instancabile del miglioramento è il motore del progresso, la forza che spinge l’uomo verso traguardi sempre più grandi. Grazie alla volontà, ai suoi sforzi i desideri dell’uomo tutti i suoi desideri con il tempo si realizzano….E quando abbiamo pensato di dare personificazione all’ingegno, è venuto spontaneo ispirarci ad un maestro che ha rappresentato la genialità umana nel suo pieno dispiegarsi: LEONARDO DA VINCI. Di Leonardo vorremmo cercare di imitare, con umiltà e rispetto, lo spirito che ha animato ogni sua opera: la volontà di osservare ed interpretare la realtà, la ricerca di una dimensione razionale delle cose e dei sistemi, il pragmatismo ma nello stesso tempo l’immaginazione e la capacità creativa. Questo è il patrimonio che Leonardo ha lasciato al mondo, da questo anche GRUPPO POLICENTRO trae forza ed ispirazione ”.
Lo avreste mai creduto? Non è sublime questo scritto? Non esalta la capacità dell’homo novus che Leonardo incarnò e che ha ispirato il personaggio di cui immediatamente diremo?
Non ci crederete, siamo sicuri che ci darete dei visionari, che siamo i soliti comunisti mistificatori e violentatori della verità. Ebbene sì questo scritto porta la firma di
LINO IEMI Presidente del GRUPPO POLICENTRO.
Lino Iemi il mastino del Nord, il manager dal piglio decisivo, la forza della volontà realizzatrice, il dinamico manager che va e viene da Partinico come quando noi andiamo e veniamo da Ciammarita,che lascia la mafia fuori dalla sua porta. LINO IEMI ,l’uomo verso il quale si sono inchinati frotte di amministratori, pseudo tali, arrivisti, opportunisti, mistificatori, speculatori, truffaldini, scagnozzi, profittatori, acchiappa cosi ‘nta llariu e, perfino, qualche cane di bancata, havi 'ncurpuratu Leonardo Da Vinci e a lui si ispira.
Chi l’avrebbe mai pensato e detto? Lino il duro, dall’animo leonardiano!Lino il bulldog della nordica Brianza capace di modellare, cesellare e, chissà, forse di nascosto come Leonardo, suonare la lira (sì, la LIRA forse la suona bene!) oppure la chitarra e cantare “O mia bela Madunina..”
Tuttavia ci si consenta almeno una considerazione strettamente personale: ma voi pensate che Leonardo per progettare un’opera, seppur eccelsa, vi avrebbe impiegato come Lino ALMENO DIECI ANNI? Cu stu passu mentre ‘u mericu Lino sturia, 'a Policentru pigghia a via!
E dunque? Dunque mentre Lino va e viene da Partinico e incontra tutti compresi chiddi 'mmiscati cù nenti (la stragrande maggioranza) il Giornale di Sicilia di Sabato 28 febbraio pubblica un avviso di SICILIA OUTLET VILLAGE che ricercava una serie di figure professionali da utilizzare nella struttura che sta sorgendo nel Comune di AGIRA (Enna) in una posizione quasi al centro dalla Sicilia e che servirà una clientela potenziale di 3 milioni di acquirenti. Agira è a meno di un’ora da Palermo, Catania, Ragusa, Siracusa, Agrigento, Enna e Caltanissetta.Agira 25mila mq. di coperto ,2200 posti-macchina, 100 boutiques con punti di ristoro,2 alberghi.
E il nostro Outlet partinicese? E le nostre migliaia di posti di lavoro? E il nostro sviluppo, il nostro Eden, il sogno di mezza estate di Enzucciu Briganò e di una serie infinita di allocchi?
Una cosa,però, è certa: o i siciliani vanno ad Agira o a Partinico.
E i siciliani sceglieranno , intanto, Agira che comunque apre prima ed é sicuramente più vicina . E poi si viri!
Sala Rossa

6 commenti:

apolicentrico ha detto...

Magno Magno?servizio giornalistico di Pino? non me lo ricordo.Cmq non è necessario che facciate nomi...solo quache coordinata

camionista ha detto...

Su un sito web ho trovato la descrizione di un Magno partinicese:

"Elio detto “magno”:eletto consigliere comunale a Partinico dal 1964 al 1980;
Elio detto “magno”:maestro elementare quasi sempre in aspettativa per servire il suo paese;
Elio detto “magno”:baby pensionato dopo pochi anni di lavoro usurante come educatore presso le scuole elementari;
Elio detto “magno”:giovane assessore ai Lavori pubblici e all’Urbanistica del comune di Partinico;
Elio detto “magno”: sindaco di Partinico dal 1978 al 1980 e relativa espansione di qualche mega industria ;
Elio detto “magno”:assicuratore specializzato in fideiussioni relative ad appalti pubblici;
Elio detto “magno”: segretario della Democrazia Cristiana a Partinico e co-regista della politica locale;
Elio detto “magno”:presidente dell’ospedale “Maurizio Ascoli” e parentela e fidati amici al seguito;
Elio detto “magno”:presidente dell’U.S.L. 55 di Partinico e nuovamente parentela e fidati amici al seguito;
Elio detto“magno”:eletto nel 1985 consigliere comunale a Palermo esclusivamente grazie all’aiuto dell’allora senatore Avellone ed infatti una candidata scelta e appoggiata da Elio Magno fu trombata clamorosamente;
Elio detto “magno”:nominato assessore nella giunta Orlando su suggerimento sempre di Avellone e per la sua grande “magnitudine” ebbe la delega ai Lavori Pubblici;
Elio detto “magno”:grazie ad Avellone fu candidato al Senato della Repubblica nel 1987 ed eletto come unico candidato della Democrazia Cristiana.Fu membro della Commissione Permanente Lavori Pubblici e della Commissione Consultiva “Fondi Ricostruzione Belice”.Dopo essersi allontanato dall’onorevole Avellone si ricandida nel 1992 e viene trombato. E per alcuni anni non è più Elio detto “magno”.Diventa Elio ribattezzato “mignon”.Seguono diverse trombature tra le quali la mancata elezione a Sindaco di Partinico nel 2000 e a deputato regionale nel 2001.
Elio detto “già magno” va a servizio presso un poco raccomandabile direttore di una piccola emittente e fa di tutto per riemergere.A volte sta zitto senza fare nessun rumore,sposta le sedie,scrive alcuni editoriali anche su suggerimento dell’editore e per “arruffianarselo” gli regala financo una scrivania usata.Un perfetto portaborse e tuttofare e a volte stringe i denti quando gli capita di ricevere una bella cazziata e la cosa più strana e che non reagisce e non inveisce.Tutto ciò alla presenza di numerosi testimoni.Elio vuole diventare di nuovo “magno” e quando, a pochi giorni delle elezioni amministrative intuisce che la vittoria è vicina,suggerisce, tra il serio e il faceto, al pestifero patron di telejato di farsi una bella vacanza della durata di cinque anni perché sa che con quello tra i piedi non avrà una vita amministrativa facile.
Elio detto “magno”:nell’ anno 2005 Motisi è eletto Sindaco del Comune di Partinico ed il partito della Margherita con a capo l’ex Senatore entra nel Palazzo di Città.
Elio detto “ magno”…….più “MAGNO“ di così".

Sarà lo stesso Magno citato da SALA ROSSA?

apolicentrico ha detto...

grazie camionista.Adesso mi ricordo...si ... ah ah ah... mi ricordo.Grazie

avviddanato ha detto...

salutamu Professù...sia a Vossia ca a tutta la cricca di stu situ.Ora sacciu ca sta megghiu assai picchi l'avutru iornu mentri passavu nto cassaru cu lu me tratturi lu vitti ncapu lu marciaperi e mi vulia firmari e presentarimi...ma poi pinsavi 'nca era troppu prestu pi farimi ricanusciri e allura tiravi rittu pi la me strata.Avia puri n’anticchia di prescia picchì avia a zappari cinqu filari di favu.
Ora ci spiegu lu sucu di lu discursu:Professù...lei scrissi "mentri Linu sturia,a' pollicentru pigghia a via!" Vossia scrissi puru ca ad Agira sta pi grapiri n’avutru Autlet mentri ncà a Raggira(lu paisi di Partinicu)forsi nun si ‘nni fa chiù nenti.E io u capivi propriu stamatina mentri eru o Montrial p’accattari un pacchettu di sigaretti picchì l’occhi mi eru no giurnali ca stava liggennu n’avutru viddanu come mia.Stu viddanu riria e nun viria l’ura di ‘ncuntrari Saveriu (chiddu chi scanciau Felluni pi arrusu) pi sfuttilu.Professù chiùiddu riria e parrava di Saveriu e chiossai eu era curiusu di sapiri cosa c’era scrittu ‘nna du cabbasisi di giurnali – allungavi u vrazzu e l’acchiappai cu na forza ca du puvureddu mancu spiccicau una parola.Sfugliau lu giurnali e arrivannu a pagina vintirui l’occhi mi eru nna n’articulu unfunnu e u titulu era chistu…lu scrivu a spizzica e muddica picchì eu sia pi scoli scarsi e pi n’anticchia di vista chi m’abbannunau lu leggiu accussì: La Po - lli – cen – tro – Da – u – nia – sa – lu – ta – la – sal – ve – zza – di – re – tta “….Nervu pinsai…ma come schifiu finiu? A squatra di pallacanestro c’è u scantu chi scinni in seri C …ma buttana di la miseria… ia fortu e u sacciu picchì u maestru Zangara ogni pizzuddu era ‘nna televisionu di Pinuzzi diggei(diggei picchì ni teni sempre infurmati di li cantanti vecchi e novi di chiddi chi su addabbanna di li cosi liciti)dicennu quantu era cuntentu e iu mi sintia unuratu ca li partinicoti avianu sta bella bannera.Professù… eu nun criu a nenti…criu sulu a Nostru Signuri,a la Marunnuzza,a cocchi Santu e sugnu devotu assai assai a la Madonna di lu Ponti…ma a maarii e tutti st’avrute minchiati …anchi si appartegnu a ‘na generazionu vecchia e a ‘na classi sociali ca u cchiù allittratu na la me famigghia avi la quinta elementari sirali…NUN CI CRIU.
Però a na cosa ci criu e lei m’ava a capiri…criu a chiddi chi portanu ‘a tassu.E un ‘ncigneri di Milanu pigniannusi sta squatra purtau a tassu la pallaccanestru di Partinicu e sapiddu quantu avitri così avi a purtaru ‘a tassu.
Professù…lu nostri poviru paisi forsi scinnerà tantu a funnu ca la ritroccisioni di la squatra di pallaccanestru sarà poca cosa?
Vaiu ‘ncampagna picchì me nannu mi ricia sempri.”cu avi terra nun mori mai di pitittu”
Professù…appena accumenciu a cogghiri li favi,se lei nun s’affenni, ci ni porto n’na bella cabietta.

avviddanato ha detto...

Professù mi scusassi tantu...m'infurmavi cu unu cchiù allittratu e mi rissi ca si scrivi "attassu" e non a tassu.e si c'è cocchi avutru erruri nna la littra m'avi a perdunari.
A la prossima

riccardo ha detto...

ma siete proprio convinti che apriranno ad agira,ma sarebbe quel miracolo che solo DIO potrebbe fare,e poi stanno reclutando solo gente di una certa parte politica,il solito schifo.IO penso che finirà come al solito:prendi i finanziamenti e scappa via.Fraterni saluti riccardo