Video

Loading...

sabato 9 febbraio 2013

E A TELE JATO JUINIOR HANNO ESORDITO DUE PIAZZISTI


PREMESSA :
i giudizi pesanti che i lettori troveranno su questo post nascono da una precisa ragione . Su  Tele Jato e durante la recente trasmissione “Largo ai giovani” ,il Sindaco Lo Biundo ebbe a lamentarsi che”una ben precisa parte politica” userebbe nei suoi confronti un linguaggio irriguardoso  .Durante il suo intervento e quello dell’assessore Pantaleo nei confronti “di quella parte politica” sono state utilizzate ignobili menzogne che sono più che che parole irriguardose .Sono delle meschine quanto miserabili volgarità.



“Incredibile ma vero”. Quelli della mia generazione si ricorderanno  sicuramente di questo slogan casereccio che “i piazzisti” -coloro che si sistemavano agli angoli di Piazza Duomo per pubblicizzare e vendere un prodotto aspettando gli allocchi paesani che presi da curiosità vi si avvicinavano - solevano gridare con lo scopo di attirare a sé gli  avventori . Lui era sempre piazzato su di una sedia con davanti un tavolino sui cui campeggiavano bottigliette e barattoli, Quando il gruppetto si faceva  consistente ,il piazzista cominciava a presentare il suo prodotto magnificandone le qualità .Quasi sempre si trattava di lozioni “miracolose” che, a suo dire, facevano ricrescere i capelli, o eliminavano i calli di cui affetti erano, allora, sopratutto coloro che si rompevano la schiena lavorando tutta la settimana nei campi. E la lozione o le creme altro non erano se non acqua prelevata dalle fontanelle o intrugli preparati in casa con olio, sapone e qualche dose di farina che mescolata diventava un unguento ,appunto,a suo dire  miracoloso .Funzionava ed i poveri allocchi ci cascavano.
Tanto tempo è passato da allora. I piazzisti nella versione in cui noi ragazzi li abbiamo conosciuti non esistono più perché sostituiti da coloro che usano gli strumenti nuovi della tecnologia per convincere ,ancora una volta , gli allocchi o con prodotti o con parole . E’ la pubblicità , bellezza!.
Dunque ,per caso, nel primo pomeriggio di oggi intercetto il programma che va in onda su Tele Jato Juinior e condotto da Salvo Viola dal titolo “Largo ai giovani”. Presenti oltre che alcuni giovani tra cui il “mio” Gianluca Ricupati, il presidente dell’Osservatorio La Franca” e due piazzisti locali di altissimo profilo culturale, politico e soprattutto morale .I due che indifferentemente si possono definire “il gatto e la volpe” di pinocchiesca letteratura  ( vi ricordate “il pinocchio palestrato” di giordanesca memoria?)  hanno fatto insieme un lungo percorso. Insieme sempre e sempre con quelli che hanno o hanno avuto nelle loro mani “potere”. Li conoscemmo, prima come attacché di Giordano.Gli stavano a fianco, lo tallonavano, non gli lasciavano respiro . Sempre li’ e sempre a chiedere qualcosa ,ad avallare qualunque cosa fosse loro proposta purché ne potessero trarre vantaggio.Hanno sempre servito un padrone . Da Ciccio Nicolosi a Salvatore Cintola e Cuffaro,da Antinoro a Saverio Romano passando per l’ingegnere Lino Iemi padrone della Policentro. E poi con Cracolici ed ora con  Lumia e Crocetta che non si fanno scrupolo di raccogliere intorno a loro il rituffo del plebeismo periferico intrufolatosi nell’arte della politica che resta sempre una cosa seria, malgrado costoro .Ma non c’è niente da fare : se costoro non hanno un padrone non si sentono tranquilli Una vocazione al servilismo senza dimenticare d’essere soprattutto e contemporaneamente anche dei giovani ma già vecchi piazzisti. E nella trasmissione cui facevo riferimento,sfoggiarono il meglio del loro classico repertorio fatto di bottigliette di intrugli e di creme fasulle del tipo “ L’assessore del tuo Partito ( rivolto a Gianluca che contestava con dati , argomenti e il rigore  che contraddistingue un giovane serio e moralmente corretto rispetto al fradiciume di cui costoro sono intrisi) ha votato i bilancio dell’ATO lasciando 6 milioni di euro di debiti al nostro Comune.Ha votato per fare eleggere l’ingegnere Cilluffo a membro del consiglio di amministrazione dell’ATO  “.Un miscuglio di falsità  inimmaginabili,di volgarità riprovevoli  considerato che lo sanno pure i suoi zuini che a votare i bilanci dell’ATO e nominare i rappresentanti del Consiglio di amministrazione non poteva essere se non il Sindaco  E NESSUN ALTRO.Cosi’ come è stato
Ovviamente continuiamo a chiedere al consigliere Tranchina ,che sostiene questi due piazzisti  ,se condivide quel che il Sindaco continua a dire della sorella di cui solo  noi continuiamo a difendere il ruolo di persona seria e corretta che ha avuto nella giunta Motisi e soprattutto la sua dignità di donna e di amministratore .
Ma i due col  2008 ebbero l’occasione di mettersi, finalmente , in proprio . E non solo negli affari . No,non parliamo di Policentro , fotovoltaico o prelievo delle macchine.Parliamo d’altro. E questo perché bisognava e bisogna arrangiarsi ancor di più sfruttando un’occasione che non capiterà loro mai più. Servendosi di  galoppini, alcuni dei quali senza arte né parte ed altri senza dignità,  hanno operato per mettere le mani sulla nostra città. Dunque gli affari  , ad esempio, con Acque Potabili Siciliane.I  due piazzisti se ne vantarono durante la citata trasmissione. Cosa succede ?Succede che una SOCIETA’ PRIVATA  senza avere un contratto ,uno straccio di rapporto con il Comune SPENDE OLTRE  500 MILIONI   delle vecchie lire per costruire una condotta di collegamento tra i pozzi scavati durante le precedenti amministrazioni alle pendici della Collina Cesarò e la rete idrica. Tu dici : ma come è possibile che possa accadere una cosa cosi’ illecita ed illegale ? Risposta facile ed ovvia : un giorno dopo Lo Biundo consegnava alla società privata “l’affare acqua” di Partinico  mentre il suo collega di Borgetto -anche lui transitato con Crocetta insieme a quello di Giardinello e Terrasini ( e ti pareva?) -si rifiutava e continua a gestire direttamente le sue risorse . E GLI ALTRI AFFARI? ENTREREMO MOLTO PRESTO NEI PARTICOLARI .
Toti Costanzo

Nessun commento: