Video

Loading...

mercoledì 21 gennaio 2015

QUANDO ANTONY, SICILIANO E RIFORMISTA FACEVA IL COMUNISTA E NON RICEVEVA AVVISI


 

Antonello,siciliano e riformista, è un sanguigno.Figurati se uno come lui si fa prostrare dalle critiche, anche quelle feroci ed irriverenti,cui è sempre sottoposto un uomo di potere.E lui di potere,si’ che se ne intende.Pensa tu se uno che è stato capace di respingere per tanto tempo ( ora la pace è fatta e rien ne va plus) il microfono irriverente che gli veniva porto tutte le volte che veniva a Partinico da un tizio che lo  dileggiava senza una apparente ragione e che lui sdegnosamente rifiutava,poteva manifestare preoccupazione davanti ad un avviso di garanzia inviatogli da qualche magistrato buontempone di Palermo che non avendo alcunché da fare  ha inteso infilarsi,come diciamo dalle nostre parti,‘nta coppula ru' patreternu!E lui,un padreterno della politica,è sempre stato avendo da sempre vissuto di quella e verso la quale fin da piccolo ha sempre manifestato attitudine eccellente.Perché in politica o sei “mastru” ( e lui mastru lo è )oppure devi scegliere il ruolo di subalterno.Agli amici piu’ fidati ebbe a dire che da questa storia (dell'avviso di garanzia)sarebbe uscito limpido come l’acqua che sgorga dalle sorgenti di Romitello.
Dunque ad Antony arriva un avviso di garanzia perché,pare,da capogruppo avrebbe gestito con sufficiente allegria la sardella che la Regione siciliana eroga a piene mani (in altre occasioni avremmo detto qualche altra irriverente cosa) alle casse di Partiti o gruppi parlamentari che a Palazzo Reale si compongono,scompongono e ricompongono sempre per nobili ragioni tra cui quel “pi’ mmia chi cc'é “il cui suono come è noto,da un po’ di anni,si sente sempre piu’ spesso diffuso lungo i corridoi del nostro Palazzo municipale.Un Palazzo all’interno del quale ha preso stabile dimora uno degli ultimi discepoli di Antony,quel tale Imprenditore (nel senso che non si fà facilmente prendere e quando lo prende qualcuno come è stato con i vari Toto’ ,Antonelli e via dicendo  lo è sempre per poco perché lui sfugge come le anguille che don Ciccio Margagliotta tentava di catturare alla foce del Nocella quando questo era ancora un fiume e non certo una latrina,spargendo attassu a piene mani) che dall’oggi al domani ha visto cambiare la sua condizione da cosi’ a cosi’ .
Antony ,siciliano e riformista,dice che lui non ha mai sprecato una lira del Gruppo parlamentare,che i regali di nozze alle dipendenti del Gruppo sono stati comprati con i soldi personali dei deputati,che acqua e caffè li ha sempre pagati con i suoi soldi.E noi ci crediamo perché ,conoscendolo,sappiamo della sua generosità.Certo se lo avessero accusato di avere usato i fondi per acquistare vagonate di pane e panelle,cazzilli, pizzette,rascature,sfioncionelli e arancine con e senza carne di cui è notoriamente assai ghiotto e che rappresentano una sua comprensibile quanto giustificata debolezza,forse qualche dubbio l’avremmo avuto anche noi.Ma cosi’ non è e siamo certi che ne verrà fuori perché “bello tu sei qual sole ,bianco piu’ della luna e le stelle …..”
Antony,siciliano,riformista e già comunista pentito, uomo di potere lo  è sempre stato e per essere tale ha sempre dovuto fiutare,prima di altri,l’aria che tira.Tu dici:ma anche quando era comunista?Anche quando.Ma se i comunisti hanno sempre detto che loro potere non ne hanno mai gestito?E allora bisogna distinguere intanto tra comunista e comunista e poi tra chi non vede oltre il proprio naso e chi,al contrario vede la dove altri non vedono.Ed Antony,fin da giovanissimo,ha visto sempre davanti a se’ prima e piu’ di altri.
Riflettevo su questo proprio domenica scorsa durante la presentazione nei locali della nostra biblioteca intitolata a Toto’ Barra,di un libro "Da Ciancimino a Orlando"scritto e presentato da Gabriello Montemagno ,uno dei tanti eccellenti giornalisti che ebbero a lavorare  ne L’ORA giornale  comunista che lottò la mafia con determinazione e con i suoi articolo formò schiere di democratici ed uomini di sinistra.Montemagno nel libro racconta la vicenda conosciuta come “la Primavera di Palermo “ che dopo le stragi di mafia e l’uccisione di magistrati,poliziotti,uomini politici come Mattarella e Pio La Torre e sull’onda della rabbia e del disgusto dei palermitani onesti contro la mafia e la malapolitica di una parte consistente della DC,vide nel 1985 diventare sindaco della città Leoluca Orlando prima col sostegno del pentapartito e, poi, dopo la crisi che vide fuori socialisti,repubblicani e liberali con suo vice il magistrato Aldo Rizzo eletto consigliere comunale nella lista del PCI quale indipendente di sinistra.Quella Giunta, però, non ebbe il sostegno organbico del PCI.Tuttavia quella Giunta per sostenersi,continuare ad operare,essere forte ed autorevole aveva la necessità della presenza organica dei consiglieri comunali del PCI palermitano.Si trattava di una vera rivoluzione,un fatto storico,e per decidere il Comitato Federale del PCI e soprattutto la sua Direzione di cui ero componente,furono chiamati ad una comprensibile discussione infinita e lacerante.Alla fine gli organismi dovettero votare ed ovviamente chi come me aborriva l’idea di una Giunta con la DC dove ancora presenti e determinanti erano i cianciminiani e i seguaci dell’on.  Salvo Lima,voto’ contro quella soluzione.Ammetto: non avevo visto oltre il mio naso mentre a vedere bene “al di là del  ponte” come dicono i romani chi fu?Ma ovvio,lui Antony occhio di lince,con spiccato senso del potere che non solo comprese e voto’ e fece votare a favore della Giunta con la DC di Ciancimino,Gioia,Lima (che durò ovviamente lo spazio di un mattino) ma non passo’ tempo che di Orlando,rieletto sindaco nel 1993 e poi nel 1997,ne divento’ uno degli assessori.Inizia da li’ e senza soluzione di continuità,cioè fino ai nostri giorni ,la splendida carriera istituzionale di Antony che con l’antica dicci’ presente ora nel PD,governa felicemente e in un clima di assoluta rilassatezza.E perché non ci siano dubbi sulla sua evoluzione,appunto  nella continuità,basta leggere quanto scritto da un ex consigliere comunale comunista dell’epoca,oltre che ex Segretario provinciale del PCI ed oggi Presidente della Lega delle cooperative.In questo volume di oltre 500 pagine si raccontano anche questi fatti.Il titolo é abbastanza suggestivo ed anche indicativo oltre che appropriato:“Quando eravamo comunisti”.Ovviamente nello scrivere l'autore anche lui un ex non poteva non pensare al Nostro mecenate ,uno dei padri dell'attuale Regione siciliana e sostenitore ,a giorni alterni, di tal Saro Trombetta del quale il nostro Imprenditore si era fatto in precedenza adottare e nominato suo padrino.Durò poco,ma durò.E come si suole dire  finu 'a quannu dura é furtuna!
Toti Costanzo       


Nessun commento: