Video

Loading...

lunedì 27 giugno 2011

E TU CHIAMAMI MIMI'!

Devo ammettere che mi sono molto divertito con alcuni servizi di Pino Maniaci sul viaggio a New Jork del Sindaco di Partinico e dei suoi accompagnatori ,a far visita alla comunità di partinicesi che in quella città ha anche un club intitolato alla Madonna del Ponte. Avevo pensato di scrivere un post affrontando la vicenda in maniera leggera , con quel tanto di sarcasmo che non guasta nelle vicende locali , avendo sempre rispetto delle persone come é giusto che sia ma mettendone in risalto vizi, tic,debolezze, elementi caratterizzanti che trasformano una personalità in un personaggio.
Pensavo ad esempio di titolare il post :”E tu chiamami Mimi?” avendo ascoltato quel che Lo Biundo ebbe a dire a proposito di Domenico”Dominik” Scaglione .Oppure “Good morning America “ parafrasando quel bel film del 1987 “Good morning,Vietanam” quando un DJ catapultato in quel paese dell'Asia dove ebbe luogo una delle più orrende guerre dell'imperialismo americano contro la determinazione ed autonomia dei popoli,denunciava quotidianamente cos'era veramente la guerra nel Vietnam. Mi sembrò, a dire il vero ,abbastanza impegnativo ed arduo tentare di paragonare il personaggio Sal da Partinico a quello splendido attore ,Robin Williams, che per quel film fu candidato all'assegnazione del premio Oscar. Pensavo che Sal, trasformato in testimonial di una Partinico che resta nei ricordi e nel cuore dei nostri conterranei ,avrebbe potuto ottenere dai nostri magnanimi ospiti , al più, un pupu cu' l'ovu . Dunque il sindaco Lo Biundo , a parte la fascia tricolore collocata al contrario, a parte le sciocchezze che immagazzinate a Partinico andò a sdivacare a New Jork facendo fare loro un lungo, costoso viaggio areonautico, a parte i trunza di malafiura per la poca dimestichezza con la lingua inglese per cui invece di dire “circolo” si ostinava a ripetere “ cubs” per dire club cioé luogo sopratutto di incontri tra connazionali ,ebbe anche l'ardire di immergersi in uno dei suoi soliti ragionamenti in cui tu che ascolti non capisci di chi e di che cosa intende parlare. Per cui in una delle tante interviste di Carla Campo ( la scelta di Tele Jato non poteva essere più opportuna!) parlò di Domenico che in America si chiama Dominik ma che bisogna chiamare Mimi' 'a partinicota (quanto imbarazzo abbiamo letto sul volto di Mimi' Scaglione !) “che voleva fare una statua per chiamare i turisti ma una parte politica che ha rovinato tutto perché fino a quando ci saranno queste persone il nostro Comune non cambierà mai .Mimi' Scaglione é l'iceberg di quelli che sono qua!”(parole testuali)
E' a questo punto che il nostro ragionamento ora si fa serio. Di che cosa e di chi parla Salvo Lo Biundo? Chi ha impedito a Mimi' Scaglione di realizzare il suo desiderio che era quello di collocare un Cristo sulla Collina Cesarò che si potesse vedere da tutto il Golfo di Castellammare ? Chi sarebbero costoro e quale forza politica si oppose al progetto con lo scopo di decretarne la fine? C'é una cosa assolutamente intollerabile alla quale bisogna porre fine : nascondersi nel vago, nel generico, non avere il coraggio di fare “nomi e cognomi” come suole dire Pino Maniaci,tentare sempre di criminalizzare gli altri  . E allora Lo Biundo deve presentare atti, documenti, dichiarazioni, registrazioni di quanti si opposero ,allora, al progetto di Mimi' Scaglione. La verità é ,invece, un'altra. La verità é che la generazione dei lo biundo é ormai adusa attribuire agli altri le responsabilità per l'incapacità a gestire la vita economica e sociale del nostro territorio che ignari cittadini gli affidarono nel 2008 . Di chi la colpa se la città é allo sfascio? Perché non toglie i rifiuti?Perché non ci dà l'acqua 24 ore su 24 cosi' come pomposamente promise tre anni or sono per diventare sindaco della città? Perché non ci dice dei beni comunali in stato di degrado e abbandono?Perché non fa il mea culpa per essere incapace a rendere decorose le ville , i giardini, le strade, le piazze, i monumenti?Perché non parla dei terreni confiscati alla mafia assegnati ad amici e sciacquini elettorali mentre su altri intenderebbe consentire speculazione attraverso il nuovo business del fotovoltaico che nelle loro mani altro non sarebbe, se non occasione mancata per una seria politica dell'energia alternativa? E le opere incompiute ? Ma vi rendete conto che costoro non sono neppure capaci di far collocare un contatore ed attivare il semaforo tra la via Taranto e la via Benevento da oltre una anno ivi collocato ?E vi rendete conto che se la gente non continuasse a costruire abusivamente e in ogni dove l'economia della città sarebbe ancor di più al collasso? Né si può tacere che hanno consentito all'area destinata ad imprese artigianali ed industriali di contrada Margi d'essere  consegnata nelle mani di speculatori che costruiranno strutture su cui lucrare attraverso gli affitti di spazi commerciali .E sarebbe questo LO SVILUPPO di cui pomposamente si riempiono la bocca ?  E  questo sindaco davvero pensa che la giusta passione e l'amore  di Scaglione per la sua terra e la sua religione possano sopperire ,attraverso la costruzione di un Cristo, alla mancanza di una qualsiasi idea che costoro hanno di una seria, concreta, visibile “politica del turismo” che é una cosa al di fuori delle loro modestissime portate e capacità  ? Cosa pensano che una una sfilata di moda, un ballittu e una dimostrazione di come si laccano e allungano le unghia alla Cantina Borbonica ,questa possa sopperire a quelle serie finalità per cui la mia generazione si batté per quasi quarant'anni ? Basta , diamoci un taglio perché siamo stufi, veramente stufi di confrontarci con il NULLA .
Toti Costanzo

Nessun commento: