Video

Loading...

giovedì 16 giugno 2011

L'ON. PINO APPRENDI, L'ING. CATALANO ED IL GIORNALISTA FEDERICO ORLANDO

C'é una televisione privata , Tele Rent che ha sede a Palermo e si diffonde ampiamente anche sul nostro territorio , che alle ore 7 di ogni mattina realizza una trasmissione con un conduttore ,due ospiti e la possibilità di intervenire telefonicamente da parte dei telespettatori . Di questa trasmissione si occupa anche un giornalista partinicese,Federico Orlando. Proprio ieri mattina Orlando durante la trasmissione confidava pubblicamente come lui in questa tornata referendaria avesse sposato le ragioni del SI pur essendo simpatizzante del centro destra .
E lo confessava ai suoi due ospiti mattutini. Il primo , l'on. Pino Apprendi ex PCI  persona a modo e sempre misurata , negli ultimi giorni della battaglia referendaria considerato che il suo Partito,il PD, non aveva fatto affiggere alcun manifesto a sostegno dei SI ,vi provvedeva personalmente nel senso che sul manifesto campeggiava simbolo e la sua ieratica figura.Abbiamo, evidentemente, apprezzato anche perché il PD che a Partinico aveva dato una sua iniziale adesione al Comitato referendario si era inspiegabilmente dileguato lasciando a noi di Rifondazione, ai consiglieri Pino Giovia e Piero Di Trapani, a Francesco Alotta dell'IDV, a Gino Scasso di Legambiente ed Alberto Lo Iacono di SEL il compito di portare avanti le iniziative che erano state programmate. Ovviamente con nostra grande soddisfazione per la vittoria dei SI e per il buone successo elettorale anche a Partinico( mi si consenta una personale soddisfazione: nella sezione n.6 dove voto i SI hanno raggiunto il 57,84 per cento) .D'altronde noi comprendiamo l'imbarazzo del Partito di Apprendi che é per l'acqua pubblica “ma anche per la sua privatizzazione” ,é contro il nucleare “ma anche per il suo eventuale uso”.Un po' come in Sicilia nelle ultime amministrative: con la sinistra in alcuni Comuni “ma anche con l'UDC,il FLI, l'API, l'MPA “ a condizione che il candidato Sindaco sia.... del PD . E poi presente alla trasmissione di Tele Rent anche l'ing. Guido  Catalano che attualmente é ritornato a ricoprire il ruolo di Direttore dell'AMAP e che noi partinicesi conosciamo bene per essere stato anche manager dell'ASL 6 e dunque con le mani anche nella sanità del nostro comprensorio . Però che bravo questo ingegnere che s'intende “di friiri e d'arrustiri” avendo, ovviamente, dietro le sue spalle sempre un  padrino politico di turno. Dunque, Catalano guida l'AMAP che , come é noto ,é l'azienda municipalizzata di Palermo che fa affari con l'acqua ed é un'azienda abbastanza conosciuta dalle nostre parti perché gestisce l' impianto di potabilizzazione di contrada Cicala ,nel senso che si fotte l'acqua del Poma e la vende anche ai palermitani . Ovviamente l'AMAP l'acqua la vende a peso d'oro (altro azienda pubblica !) e dal 2006, cioé da quando la gestione dell'invaso Poma é stata irriguardosamente ed illegittimamente strappata dalla cooperativa “Consorzio irriguo Jato” , non ci sono più controlli sulla quantità giornalmente prelevata. Un furto vergognoso che ha avuto quali protagonisti non solo il governo regionale di Salvatore Cuffaro ed il silenzio dei "sinistri" cracolici di turno ma sopratutto il silenzio complice dei Sindaci donnabondio della nostra zona che da quella data si sono succeduti alla guida dei Comuni . Neppure l'on. Apprendi ,ci risulta, ha mai sollevato la questione seppur dal 2006 fosse già stato eletto deputato all'ARS. Sarà perché della questione ,probabilmente, non sarà stato mai coinvolto dai suoi amici di Partito in loco . Sarà. Dunque ritorniamo alla trasmissione di ieri mattina. Catalano ha l'ardire di affermare che l'acqua del potabilizzatore Cicala “viene utilizzata anche dai Comuni del partinicese” .Un'affermazione assolutamente non veritiera ,falsa. Ma ciò che mi ha stupito é come il giornalista Orlando ,che conosce assai bene le vicende del nostro territorio, non l'abbia interrotto per riaffermare la verità che é semplice: noi non utilizziamo l'acqua del potabilizzatore con l'aggravante che l'acqua i cittadini l'hanno SEMPRE COME SEMPRE  un giorno si e uno non per poche ore mentre, io dico tuttu bbonu e binirittu , a Palermo ne hanno la disponibilità 24 ore su 24. Poi Catalano parlò di investimenti che si dovrebbero fare , che in Sicilia vi sono ancora Comuni senza la rete fognante manifestando la sua contrarietà per il risultato dei referendum sui due quesiti sull'acqua perché lui ritiene indispensabile il ruolo dei privati in questo settore  . Capite? Il ruolo dei privati! Ma quale? Quello dell'APS(Acqua Partinicu Scordatilla di memoria don pinuzziana )  a Partinico o nel territorio? Infatti l'APS cui il Sindaco Lo Biundo all'inizio del 2009 ha affidato gli impianti si é visto QUANTI INVESTIMENTI HA FATTO NEL NOSTRO COMUNE !Si é limitata a riscuotere i soldi delle prime fatture per dare un servizio ancora peggiore di quel dava il nostro Comune  prima della privatizzazione .Niente interventi sulle reti, niente contatori per il consumo, niente interventi tempestivi per le perdite quotidiane che mandano a mare milioni di metri cubi di acqua potabile .Niente di niente. Fui tentato di telefonare e rispondere per le rime ad un personaggio che non dice il vero ,che fa il manager indifferentemente della salute e dell'acqua come potrebbe occuparsi, domani, di rifiuti o commercio con l'estero e che percepisce per questo suo ruolo una indennità milionaria in ragione della sua appartenenza politica .E a proposito di compensi si comprese, alla fine della trasmissione, perché di fronte ai dati esplicitati da Orlando sulle indennità dei nostri deputati all'ARS rispetto a quelli della regione Lombardia(meno della mettà) , il Catalano ebbe a difenderle con questa incredibile giustificazione:” Forse i deputati lombardi hanno questa indennità perché svolgono altre attività e il ruolo di gestione lo affidano ai funzionari regionali”. Di fronte a questa sconvolgente,sbracata , considerazione  osservai un grande imbarazzo non solo del giornalista Orlando ma dell'ex comunista Pino Apprendi.Un imbarazzo,però,  e niente più .Una pernacchia, per  l'ing. Catalano ci voleva una sonora pernacchia anche se televisiva!
Toti Costanzo

2 commenti:

Anonimo ha detto...

Caro Sig. Costanzo, condivido solo in parte quanto da lei scritto nel suo post.
Non condivido, quando nel fare i nomi dei facenti parte del comitato promotore per il sì che si è costituito a Partinico, vengono evidenziati solo alcuni e non altri, forse, come al solito, perchè continuano ad esserci i figli della gallina bianca e gli altri, gli occulti, sono SEMPRE figli della gallina nera? Mi permetta, ma le dimendicanze non sono un buon segno.

Toti ha detto...

Anonimo ha perfettamente ragione e me ne dispiaccio e me ne scuso. Del Comitato é stato protagonista indiscusso Alberto Lo Iacono e la dimenticanza é stata ,forse, dovuta al fatto che Alberto lo considero "un compagno" assimilabile agli altri miei compagni di Partito che si sono spesi,sopratutto i Giovani comunisti, in maniera encomiabile .Tuttavia per completezza di informazione mi dispiaccio del fatto che dopo una iniziale partecipazione ,anche la CGIL di Partinico non é stata presente. Il consigliere comunale Santino Aiello lo giustifichiamo in quanto impegnato nella vincente campagna elettorale che ha visto eletto quale Sindaco di Terrasini il suo cognato Massimo Cucinella. A Santino e Massimo,con l'occasione,i nostri auguri.