Video

Loading...

domenica 4 novembre 2012

LA RIVOLUZIONE DI CROCETTA CON GLI AMICI DI TOTO'





Dunque, vediamo. Il pittoresco Crocetta vince la presidenza della Regione anche se con appena il 30% dei voti del 47% dei votanti siciliani e il suo Partito perde 250 mila voti rispetto alle elezioni del 2008 .Immediatamente il segretario del Partito Democristiano ,Bersani,  si affretta a dichiarare che “in Sicilia è accaduto un fatto storico(sic!) .Ma il folkloristico Crocetta è stato eletto, ne dobbiamo prendere tutti atto ,anche se con questo personale che si ritrova  intenderebbe  , come ha dichiarato in interviste e con  gli slogan,  FARE LA RIVOLUZIONE IN SICILIA. Lo immaginate voi Crocetta che fa la rivoluzione che significa riduzione gli stipendi dei deputati, dei costi della politica, la fine di consulenti ed esperti, risanamento delle aziende a partecipazione regionale, moralizzazione dei corsi di formazione fasulli e clientelari e del sistema degli appalti ,ripubblicizzazione dell'acqua, annullamento della legge sui rifiuti , utilizzo razionale ed efficace degli oltre 50 mila dipendenti (diretti e collegati) di cui dispone la nostra  Regione , fine dell’uso delle macchine blu e con Turano o Baldo Gucciardi da Alcamo o Marsala raggiungere Palazzo D’Orleans con la macchina personale o con treni ed autobus mentre Antonello Cracolici continuerà, imperterrito,ad usare la bici che fa tanto “ voi lo sapete che io sono sempre stato un uomo sinistra ” ?Crocetta ,appena eletto, dichiarò al Giornale di Sicilia e a proposito della riduzione degli stipendi ai deputati regionali : “ Saranno calcolati in base al numero di presenze in assemblea”. Più che giusto. E se i deputati fanno come alcuni consiglieri comunali di Partinico che firmano il foglio di presenza (in Consiglio o nelle Commissioni ) e se ne vanno? Fatta la legge trovato l’inganno  . Dunque il claunesco Rosario dentro le cui liste ,e perfino nel suo listino, ha ospitato amici di Cuffaro ( se l’ha detto Totò bisogna crederci ,perché Totò è uomo d’onore!) dovrà “rivoluzionarela Sicilia. E “rivoluzione” significa :”mutamento improvviso e profondo che comporta la rottura di un modello precedente. Cambiamento irreversibile” . E chi lo dovrebbe sostenere in questo profondo mutamento? Oltre che Turano Mimmo e Gucciardi Baldo gli immancabili, immarcescibili, onnipresenti,immutabili (altro che rivoluzione quà siamo davanti una vera restaurazione oltre che conservazione di una specie rara di amministratori !) soliti noti con qualche aggiunta di cui non sappiamo. E cioè con Antonello Cracolici, Giuseppe Lupo, Lino Leanza, Nino Dina, Calogero Firetto l’ex sindaco di Porto Empedocle che, ovviamente, se fosse rimasto avrebbe continuato a sponsorizzare il rigassificatore da realizzare nella sua città e a due passi dal Parco archeologico di Agrigento.Ed altri di cui poco sappiamo ma avremo tempo e modo di conoscerli. E ve lo immaginate se all’ARS fossero approdati anche i nostri Vincenzino Briganò e Nuccio Genova , quest'ultimo ora inteso la Gioconda” nel senso del sorriso accattivante che dal manifesto elettorale irradiava sicurezza e distensione?Peccato che i partinicesi abboccarono soltanto all'amo di Vincenzino ma non al suo Il perché resta un mistero anche per noi   .
Dunque il Rosario Crocetta deve fare la rivoluzione in Sicilia. Ma per sconvolgere ci vuole una maggioranza solida . E lui ,almeno fino ad oggi, questa maggioranza non l’ha .L’avrà? E qui i politologi di tutte le aree ( compresi quelli della sinistra alternativa che ipotizzano ,a breve, la fine del governo di Crocetta ed il ritorno alle urne ) dissertano sugli eventuali accordi sopra o sottobanco con Micciché e con Lombardo cui sarà costretto il Presidente .Ma quando mai. Noi diciamo che NON CI SARA’ NIENTE DI TUTTO QUESTO perché chi conosce la storia del nostro popolo non può né deve dimenticare l'efficacia del nostro storico trasformismo. Ed è proprio la vecchia ,decrepita arma del trasformismo che consentirà a Crocetta di governare per tutto il mandato cosi’ come fu per Lombardo .Ma come farà , allora, se non si accorderà con i due leader neo sicilianisti?. Ma avete letto cosa é successo il giorno dopo la elezione dei deputati?Un tale Nello Di Pasquale ex sindaco di Ragusa eletto nelle liste del PDL ma che ora si é candidato nella Lista Crocetta risultando eletto deputato ,il giorno successivo alla sua elezione annuncia che all’interno dell’ARS si è formato UN NUOVO GRUPPO PARLAMENTARE composto dai cinque deputati eletti anch'essi nella Lista Crocetta .E questo cosa significa? Per comprendere l’operazione bisogna ritornare al governo Lombardo. Lombardo aveva necessità d’essere sostenuto da una forte maggioranza in aula che non aveva . E allora alcuni deputati eletti in liste diverse ma all'opposizione del governatore(API,PD,PDL) da queste fuoriusciti  costituiscono un nuovo gruppo politico, il Movimento Popolare per la Sicilia (MPS), CHE IMMEDIATAMENTE DICHIARA IL SOSTEGNO AL GOVERNO DI DON RAFFAELE . Vuoi vedere che nel giro di poco tempo o il gruppo parlamentare di Nello Di Pasquale, che si è anche costituito in Movimento per il Territorio ,si ingrosserà sostanziato da altri deputati provenienti da gruppi oggi all’opposizione di Crocetta o ,prima o poi ,fuoriusciranno deputati, oggi eletti sempre nei Partiti di opposizione, i quali  ovviamente PER IL BENE DEL POPOLO SICILIANO andranno a sostenere il Presidente  che in tal modo potrà governare tranquillamente e fino alla fine? Si accettano scommesse.
Una ultima annotazione . Non trovate delle stupefacenti analogie tra Crocetta e Lombardo nella formazione del Governo regionale? Lombardo nominò Assessori non solo la figlia del giudice Chinnici assassinato dalla mafia ma il baldanzoso magistrato antimafia Massimo Russo che fu allievo di Paolo Borsellino,passando per l’ex Prefetto Marino senza dimenticare la nomina del  rappresentante della Confindustria che in Sicilia si era distinta per avere imposto agli industriali aderenti la firma di un codice morale? E Crocetta? Cerca Battiato, nomina Assessore alla sanità  la farmacista  Lucia Borsellino ovviamente perché figlia di  Paolo, si parla della signora Grasso moglie del Procuratore antimafia e perché non ci siano dubbi sulla asoluta antimafiosità della Giunta potrebbe anche essere eletto Assessore il senatore  Giuseppe Lumia attuale membro della Commissione antimafia ,con buone aderenze anche nella nostra città, ma che al Parlamento nazionale non sarà più presentato .Però che miracoloso è questo vecchio, decrepito, polveroso TRASFORMISMO NOSTRANO !
P.S. Nel caso di nomina in Giunta regionale dell’avvocato Alfredo Galasso ben conosciuto dalle nostre parti e soprattutto da alcuni di  Partinico,  tra cui primeggia Pino Maniaci , costretti per anni  a salire e scendere le scale del Tribunale grazie alle denunce della signora Bertolino difesa  dall’esimio avvocato, ne parleremo eventualmente in un prossimo post.  
Toti Costanzo  

2 commenti:

Diego di Alcalà ha detto...

Chiesta condanna per Giacomo Scala e Cristofaro Ricupati
SCRITTO su "ALQAMAH" DA SIMONA DE SIMONE – 13 NOVEMBRE 2012

ALCAMO. Belvisi, pubblico ministero, ha richiesto la condanna per l’ex sindaco di Alcamo, Giacomo Scala e il segretario generale Cristoforo Ricupati.
Per ognuno dei due è stata chiesta anche una pena di un anno, e un anno e 4 mesi di reclusione per abuso d’ufficio e falso.

Il procedimento deriva dalla nomina, seppure per un breve periodo, di alcuni consulenti di cui il comune si è avvalso in maniera illegittima secondo gli inquirenti.

La legge, infatti, prevede che le pubbliche amministrazioni si avvalgano di consulenti esterni solo nel caso in cui si tratti di mansioni che non può adempiere il personale di servizio dell’ente.

Il 10 dicembre proseguirà il processo con gli interventi degli avvocati difensori degli imputati: Vincenzo Catanzaro, Francesco e Carlo Ventimiglia.

Sala Rossa ha detto...

Si potrebbe dire “tanto va la gatta al lardo…”E non fu cosi’ anche a Partinico con lo stesso Segretario generale ed il Sindaco Giordano che nominarono ,quale Dirigente del settore LL.PP. e Urbanistica ,un giovane esterno laureato ma non abilitato e per giunta con laurea in ingegneria ambientale?Quando invece l’organico del Comune disponeva di ingegneri ed architetti? Perché ad Alcamo si e a Partinico no? Ma la legge in Italia é davvero uguale per tutti? Sala Rossa