Video

Loading...

martedì 19 agosto 2008

>>> DEVE ESSERE CHIARO: L'AREA DI VIA MULINI NON SI TOCCA!

SCRIVE MICHELE GIULIANO SUL GIORNALE DI SICILIA DI OGGI :
"E' allarme diossina in via Mulini nell'area attorno all'appezzamnto di terreno in cui sarebbe dovuta sorgere la piscina sovracomunale.....Oggi quest'area si é trasformata in una vera e propria bomba ecologica pronta a colpire in qualsiasi momento. E' infatti diventata una discarica a cielo aperto la cui recinzione, in parte divelta, consente un facile accesso dall'esterno... "
E il giornalista informava l'opinione pubblica della preoccupazione del Capo distaccamento dei Vigili del Fuoco, Franco Giangrande, per la qualità dei rifiuti ivi conferiti che rappresentano un grave pericolo per la salute dei cittadini e del fatto che il Sindaco Motisi e la sua ultima Giunta avessero concesso all'ATO rifiuti l'area perché l'Ente la utilizzasse come una vera e propria discarica. L'ATO rifiuti, come si evince da una dichiarazione dell'arch. Rizzo capo del Settore Ambiente, pare che abbia chiesto al Comune che la concessione dell'area sia trentennale "una proposta che l'attuale Amministrazione comunale appena insedita sta valutando".
Fin qui il puntuale ed opportuno servizio di Michele Giuliano che ha il merito di puntare i riflettori su di un aspetto della più ampia "questione ambientale " a Partinico rendendo evidente come le fonti d'inquinamento nella nostro territorio siano molteplici, e tutte pericolose, con l'aggravante che il potere locale si chiami Amministrazione Giordano, Motisi o altro é stato sordo a qualunque sollecitazione perché ha scelto di privilegiare gli interessi di gruppi economici o di potere, com'é il caso specifico dell'ATO rifiuti, a discapito degli interessi della nostra città. Perché una cosa é certa - e questo mi permetto di dirlo alla dottoressa Giovanna Nobile della quale ho sempre apprezzato i suoi interventi sul blog Libera Mente la quale scriveva il 17 c.m. a proposito del mio Partito "visti i disastrosi risultati a livello nazionale (del PRC) alle ultime elezioni, forse sarebbe opportuno chiederVi se non sia stata disattesa la fiducia di chi per anni ha creduto in Voi...." che sarà anche così, e personalmente potrei anche aggiungere dell'altro, tuttavia mi chiedo come sia possibile che a Partinico le battaglie INCESSANTI e generose sui problemi dell'ambiente, ma non solo, di cui si é sempre fatto carico il mio Partito non abbiano prodotti quegli effetti che sono necessari per CAMBIARE questa Società? E lo dico non solo per le querele dell'industriale Bertolino collezionate dal sottoscritto e da altri compagni di Rifondazione ma perché ABBIAMO PRODOTTO UNA SERIE PUNTUALE, articolata e propositiva DI ATTI A DIFESA DELL'AMBIENTE E PER GLI INTERESSI DEI CITTADINI che sono stati regolarmente disattesi dagli Amministratori di turno, senza distinzione alcuna.
Come non citare, ad esempio, la battaglia dentro e fuori il Consiglio (e di cui esiste un'ampia, articolata, documentazione), condotta dal nostro Partito per la questione "isola ecologica" che si é scontrata con miserabili interessi di politicanti di scadente livello, compresi funzionari servili e sempre pronti a dire di SI anche alle cose più ignobili? Un' "Isola" che si poteva fare con i finanziamenti della Regione siciliana (un miliardo delle vecchie lire concesse al Comune) e che amministratori miopi non hanno consentito?
E a difesa dell'area dell'impianto sportivo della piscina di Via Mulini c'é un altro Partito che ha prodotto sul piano della denuncia, della analisi e delle proposte quel che abbiamo elaborato noi? Inviatiamo i lettori, QUELLI SERI ED INTERESSATI CON I QUALI, E SOLO CON QUESTI, INTENDIAMO INTERLOQUIRE e che non hanno pregiudizi nei confronti dei COMUNISTI, a collegarsi con il nostro sito http://www.rifondazionepartinico.it/ e troveranno tanto di quel materiale prodotto sull'area di Via Mulini, come sulla realizzazione della discarica per inerti, sui problemi dell'acqua, sulla Policentro, su Valguarnera e su tanto ancora che ci impongono non d'essere superbi e meno che mai presuntosi ma orgogliosi, questo sì, d'essere Comunisti.
Per ultimo: noi non sappiamo se risulta vero che QUESTA AMMINISTRAZIONE stia valutando la proposta dell'ATO rifiuti di "impossessarsi " per trent'anni di quell'area, cosa assolutamente improponibile perché ILLEGITTIMA, che vanificherebbe sforzi, sacrifici, impegni di una intera generazione di uomini politici e di sportivi partinicessi che hanno creduto e voluto quell'opera.
Ad oni buon conto al Presidente del Consiglio e al Sindaco faremo pervenire le interrogazioni ultime inviate al Commissario Straordinario con le quali dimostriamo che NESSUN AMMINISTRATORE si può consentire di utilizzare quell'area SE NON PER LA REALIZZAZIONE DELLA PISCINA INTERCOMUNALE .
Per cui invitiamo il prof. D'Orio, neo Assessore allo sport, a convocare un incontro ANCHE CON IL NOSTRO PARTITO SEPPUR NON RAPPRESENTATO IN CONSIGLIO, perché della questione se ne discuta ampiamente e si assumano delle DEFINITIVE decisioni.

Toti Costanzo

Nessun commento: