Video

Loading...

mercoledì 12 giugno 2013

GLI "AMMUCCIATI" DI CHIARA E IL GRIDO DI DOLORE DI LO BIUNDO ALLA RICERCA DEI 4000 VOTI PERDUTI


Accadeva durante la cosidetta prima repubblica che il PCI ,nelle competizioni elettorali per l’elezione del sindaco e del consiglio comunale di Partinico , perdeva regolarmente contro lo storico avversario dicci’. E allora i militanti comunisti ,per consolarsi e non farsi affliggere e invadere dalla depressione,  ripiegavano su di un ragionamento che altro non era se non un espediente  assolutamente consolatorio. Si diceva: “ E’ vero, a Partinico abbiamo perso, però in Toscana, Liguria, Emilia Romagna e cosi’ via il PCI ha vinto ovunque conquistando una infinità di piccoli, medi e grandi Comuni”.E se ciò non fosse bastato c’era sempre don Peppino Corso , varvariano più che comunista ,che con orgoglio misto a disprezzo nei confronti degli avversari aggiungeva che non solo i comunisti governavano quelle Regioni e quei Comuni del Nord  ma sia la Cina, l’Unione Sovietica, e senza tralasciare Vietnam e Cambogia, erano sotto la nostra politica giurisdizione.E cosi’ ,ricorrendo ad un espediente consolatorio ,si chiudeva la partita e si  ricominciava da capo  come se nulla fosse e ,per di più,  più determinati di prima . La sconfitta ,in tal modo, sembrava tutto sommato più lieve .Ora ,a distanza di qualche decennio e alla fine della seconda repubblica,accade di ascoltare ancora ragionamenti di tal fatta convinti,come si era , che la polvere li avesse definitivamente sepolti. Ed a riproporli ,oggi,  non sono quei vecchi arnesi dei comunisti ancora in circolazione ma,paradossalmente, i dicci’ rinnovati e corretti nel nuovo Partito Democristiano di Letta,Cardinale,Fioroni ,Crisafulli , Cracolici e Lupo . Noi, ovviamente, di questo ci rallegriamo. non perché godiamo delle disgrazie altrui ma perché a lungo andare ci rendiamo conto come il tempo sia davvero galantuomo nel senso che la scuola della  consolazione ha fatto… scuola e i cui afflati  sono arrivati fino ai nostri giorni. Tuttavia bisogna che per noi si abbia comprensione in quanto che ad una certa età si vive anche di queste piccole, e se volete ,modestissime .soddisfazioni
Andiamo al dunque. Ora è del tutto evidente che le situazioni oltre che i meccanismi elettorali di oggi sono assai diversi rispetto a quelli di ieri. Per cui tu candidato sindaco oggi ti presenti agli elettori che, o ti fanno vincere o perdere a primo giro , e se dovesse andare bene avresti una chance in più spingendoti fino al secondo turno, cioè al turno di ballottaggio tra i candidati che hanno assommato in sé i due maggiori punteggi. Ma bisogna aggiungere ,per completezza d’informazione, che nel nuovo, attuale  meccanismo di elezione diretta del sindaco non c’é posto per il terzo che al più, se  va bene alla sua lista, potrà anche ottenere qualche consigliere. Come dire che si può anche piangere con un occhio .Allora ,possiamo dire che chi arriva terzo  ha poco di che consolarsi nel senso che ha perso punto e basta  e la cosa finisce li ? Lo possiamo dire. .Ma come se il tempo non fosse passato, ieri l’altro e a conclusione dello scrutinio che dava al ballottaggio Lo Biundo  e Bonni’ siamo stati spettatori di una intervista che ci ripiombava , nel senso del ragionamento, all’epoca della prima repubblica e del sopracitato scontro tra DC e PCI. .In una parola :all’epoca di don Peppino Corso. L’intervistata ,Chiara Gibilaro grosso modo, si esprimeva cosi’: “ Certo, non andiamo al ballottaggio a Partinico ma il mio Partito nei Comuni dove si è votato ha vinto ovunque .Quindi siamo assolutamente contenti perché abbiamo conquistato una marea di Comuni.” .D’accordo, finalmente siamo d’accordo almeno su qualcosa e per certi versi anche contenti che una persona di provenienza e cultura dicci’ la pensi alla stessa maniera di come la pensavamo i comunisti in tempi assai lontani . Tanto per  consolarci. Assolutamente d’accordo, quindi, e i comunisti saranno certamente contenti perché sono riusciti a contaminarli almeno per quel che riguarda certi ragionamenti. E Chiara aggiungeva ,come avrebbe detto don Peppino , che oltre ai Comuni minori il PD aveva  pure conquistata la Capitale e, aggiungiamo noi , perfino Catania finita al primo turno nelle mani di un vecchio trombone democristiano qual’è Enzo Bianco per evitare che qualcuno pensi che la DC sia estinta e che invece non solo é viva ma lotta insieme a noi ..Dunque , a detta di Chiara, c’era di che gioire e consolarsi nel senso che a Partinico non era andata bene ma altrove si. E vai! Ma l’intervista non fini’ li’ perché essendo l’intervistatore notoriamente “provocante” ebbe a chiedere le ragioni per cui il PD fosse rimasto da solo nel condurre la battaglia elettorale a Partinico .Ora, a nostro modesto avviso le risposte di Chiara Gibilaro  potevano essere :a)  meglio soli che male accompagnati; b) chi gioca solo non perde mai oppure che uno più uno non sempre fa due .E invece? Invece ,manifestando una punta di preoccupante ,ingiustificato risentimento ebbe a dire che ci sono alcuni (non lo disse ma lo pensava che fossero i comunisti  locali n.d.r.)  hanno preferito “ammucciarisi” dietro una sigla civica pur di ottenere un risultato facendo gongolare un mellifluo Lo Biundo che si metterebbe pure cu’ a zza Nina pur di ritornare a Piazza Municipio da Sindaco .Dunque il PD lo potrebbe anche sostenere D’altronde lui ,ora, non è uno di centro sinistra? E il Megafono dove lo metti? E Cracolici, Lumia e Trombetta non sono la stessa cosa? E Lupotto dove lo collochiamo ? Non è pure con noi? E non è possibile che oggi oppure a presto ci si possa ritrovare ?Ma sull’argomento politico di quel che è CAMBIAMO PARTINICO dentro cui ci sono ANCHE  i comunisti  ,il suo ruolo, la sua funzione e la sua politica ,avremo tempo e modo  di che dire spiegando ,se è il caso, anche le ragioni per cui il PD di Partinico è andato da solo in questa competizione elettorale   .
Ma ritorniamo al nuovo trombettiere senza tralasciare le sue più fidate trombette (Jhonny, ‘Ntrea,Tandem, Le Mokò, Leo“forcon” ,la signora delle camelie ed altra varia umanità ) il quale chiama a raccolta tutti, emette comunicati consolatori(come quelli di oggi) per giustificare la mazzata ricevuta e la debacle della sua prestazione. Almeno in questa prima tornata .Vogliamo cercare di capire un poco quel che è accaduto, visto che nessuno ne parla? .Parliamone .Lo Biundo ,oggi , ha raccolto 4447 voti cioè il 28 % ,  mentre nel mitico 2008 ne otteneva ,sempre a primo acchito, 8794 (hanno votato sostanzialmente gli stessi elettori) e con una percentuale del 46,03. Significa che oggi ha avuto una perdita secca di quasi 20 punti percentuali  rispetto al 2008 e qualcosa come circa  4000 voti di preferenza  E le sue 7 Liste? Nel 2008  ottennero oltre 10 mila voti e circa il 54 % mentre oggi arrivano a 7528  cioé  2500 voti in meno e appena il 40,01%  con una secca perdita di 14 punti. Già , ci eravamo dimenticati di dire che oggi il solito comunicato “dice il Sindaco… aggiunge Pantaleo…. e conclude Gianlivio “ spiegava a noi poveri allocchi che la perdita è soltanto provvisoria perché si sarebbe trattato “DI MANCANZA DI COMUNICAZIONE (sic!)” . Cioè, i cittadini di Partinico, che a dire dei megafonini a pagamento sarebbero degli imbecilli ,avrebbero sbagliato nel votare a causa della nuova legge elettorale sul cosiddetto voto disgiunto cioè un voto che va al sindaco e un altro alla lista e ai candidati . Ovviamente ha omesso di dire che non sono mancati soltanto i voti a Lo Biundo ma quelli alle sue 7 Liste di sostegno Ovviamente ciascuno, come don Peppino,  si consola come può.
La storia ,dunque, a detta dei numeri o di qualche ingenuo ,sarebbe finita qui’. Ma andateci  cauti . Ci sono ancora oltre dieci giorni di campagna elettorale (nel 1917 in Russia i bolscevichi in dieci giorni sconvolsero il mondo ) e i polli alle case popolari possono subire un incremento, mentre i rappresentanti di lista anche se si ridurranno da 210 a 30  sono sempre utili e gratificati di quei 50 euro a testa cioè ,come si suole dire, una “carezza”  D’altronde c’è qualcuno che mi può impedire di gratificare una prestazione occasionale come quella di rappresentare orgogliosamente la mia Lista ?. E poi ci sono le piattaforme per i rifiuti da realizzare , i legali in attesa di riscontro ,la Bertolino in attesa di trasloco che al posto dell'odore delle vinacce potrebbe farci sentire quello del percolato,il poveraccio della mensa dei poveri cui si danno 100 euro non certo per comprare i voti della sua famiglia-per carità di dio- ma soltanto per spirito di solidarietà .Perché a un poveraccio tu 100 euro , se capita, non glieli dai? .E la Poli di Iemi ? Si farà, si farà e saranno 1000 posti di lavoro .A  proposito dell’ingegnere: giorno 19 giugno il Tribunale di Sassari si dovrà pronunciare sulla richiesta di condanna ad un anno e sei messi per Iemi e per  l’impresario Antonio Sardu titolare della  società Policentro Domus de Janas che a Sestu hanno realizzato un centro commerciale ma , a detta degli inquirenti, in maniera non certo limpida. Ma dici davvero? Iemi che avrebbe, insieme al socio, manipolato? No, non ci posso credere . Ad ogni buon conto lo diranno i giudici a presto  .
Si diceva di come si concluderà questo ballottaggio.Non sappiamo .Diciamo, però, che apparteniamo alla categoria di coloro che vendono la pelle dell’orso solo quando l’avranno ucciso. Ovviamente in senso metaforico.
Toti Costanzo 

Nessun commento: