Video

Loading...

martedì 8 luglio 2008

>>> E LO BIUNDO DISSE: "MI ATTERRO' ALLE DECISIONI DEI PARTITI !"

C'é una dichiarazione recente di Salvo Lo Biundo che mi ha lasciato abbastanza perplesso. Il Sindaco ai microfoni di una emittente ha dichiarato che in relazione alle eventuali sostituzione degli Assessori designati ma che non intendono assumere più quella carica in quanto eletti in Consiglio lui dice: "mi atterrò alle decisione dei PARTITI".
Ora appare necessario ricordare al Sindaco che dentro il suo cartello elettorale NON VI SONO PARTITI tranne che il suo, l'UDC, e che tutti gli altri soggetti rappresentano le classiche, tradizionali, conosciute liste civiche che si costruiscono sulla base di interessi particolari se non addirittura di un solo soggetto.
In particolare i due Assessori che si dimetterebbero (o si sarebbero già dimessi), Speciale ed Albiolo, non risulta ad alcuno che siano espressione di alcun Partito.
Tutto questo lo dico non per fare le cosidette"pulci"alle dichiarazioni del Sindaco ma perché sarebbe politicamente scorretto, oltre che una violenza esercitata sulla VERITA', che possa passare l'idea che Lo Biundo sia stato eletto DA PARTITI cioé da organizzazioni politiche con una STORIA, UNA LINEA POLITICA, DELLE REGOLE, DEGLI IMPEGNI STATUALI E DI CONGRESSO che sono quelli che stabiliscono LE ALLEANZE, che scelgono al loro interno gli uomini del governo i quali dovranno comporre un organismo capace di amministrare una città. Un organismo che nell'amministrare intende costruire una Società di cui le forze politiche HANNO UNA IDEA BEN COMPIUTA.
Così, a mio avviso, non é e tra l'altro lo stesso Lo Biundo, all'atto della presentazione della sua candidatura, con forza dichiarava (e poi abbiamo capito il perché) che era stata costruita una coalizione trasversale fatta di persone e non di Partiti.
Si tratta, come poi si é visto, di una dichiarazione assolutamente priva di attendibilità tant'é che all'ultimo, per ragioni di opportunità ed anche di necessità, ha dovuto imbarcare l'UDC che restò solo non avendo trovato un accordo con il PdL e con l'MPA proprio sulla candidatura a Sindaco.
Ma molto probabilmente le iniziali dichiarazioni di Lo Biundo sulla trasversabilità avevano lo scopo di "imbarcare quel tutto e quel di più " per poi essere eletto Sindaco della città. Una strategia sicuramente inteligente ma, sicuramente, SENZA ANIMA POLITICA .
Tuttavia ho scritto come anche un cartello elettorale POTREBBE assicurare la governabilità. Saranno, allora, i fatti a stabilire se un aggregato di soggetti di origine, cultura, esperienza diversa così come sicuramente diversa sarà la loro visione politico-culturale della Società, possano GOVERNARE un Comune costruendo UN'IDEA DI SOCIETA' LOCALE .
Io dubito fortemente che questo possa verificarsi ma non intendo, e non intendiamo, mettere come si suole dire, "il carro davanti ai buoi" per cui aspettiamo e vedremo.
Toti Costanzo

Nessun commento: